Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Il dentista risponde
Il Dr. Nicola Marotta, vive a Cava de' Tirreni con la moglie ed una figlia. Nel 2011 consegue la Laurea Specialistica in "Odontoiatria e protesi dentaria" presso la Facolt di Medicina e Chirurgia dell'universit "Magna Grcia" di Catanzaro.
Abilitatosi lo stesso anno all'esercizio della professione di Odontoiatra si iscrive all'Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Salerno. Oggi esercita l'attivit di medico odontoiatra in due studi: a Cava de' Tirreni e a Napoli.
Il dottor Marotta Socio Fondatore della sede S.I.G.M. (Segretariato Italiano Giovani Medici) di Salerno e membro del Consiglio Provinciale rappresentante dei giovani Dentisti Salernitani.
Luca: "Sento ancora l'effetto dell'anestesia... come possibile?
[10 09 2015 ]
Luca:
Buongiorno Dr. Marotta, mi chiamo Luca e vivo a Roma. Due mesi fa ho tolto un dente, che era gi devitalizzato, perch si era spezzato. Ora, dopo due mesi, mi trovo in una situazione che non capisco: ho la sensibilit sulla gengiva ma esternamente come se sentissi parzialmente l'effetto dell'anestesia un po' sul labbro e un po' sul mento. Il dentista mi ha detto che essendo intervenuto vicino ad un nervo, questo stato come stressato dal trauma dell'estrazione del dente. Sono perplesso, possibile che sia tutto ok? Questo effetto parziale dopo ben 60 giorni diminuito pochissimo. Mi potrebbe aiutare per favore? Vorrei capire cosa mi sta succedendo. Grazie. Luca

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.mo Luca, temo proprio che si tratti di una parestesia. Le consiglio una visita dal neurologo. Cordialit
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Giorgio: un suo parere
[10 09 2015 ]
Giorgio:
Salve, ho 56 anni e volevo gentilmente un parere. In una seduta dentistica relativa alla cura canalare di un premolare, il dentista mi ha detto che non riusciva a trovare un canale e insistendo mi ha bucato una radice da cui mi usciva sangue. Il dente era da incapsulare ma ora mi ha detto che da togliere perch una otturazione interna non sarebbe sufficiente per evitare problemi batterici.
Vorrei un parere cortesemente.
Meglio rivolgersi ad altro dentista?
Grazie anticipate. Giorgio

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.mo Giorgio, purtroppo se davvero il dente perforato risulta difficile recuperarlo, ma non impossibile.
Sarebbe necessaria una visita in Studio.
Sono a Sua disposizione.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Daniela: dolori alle orecchie
[10 09 2015 ]
Jenny:
Salve, possibile che i denti possano provocare di continuo dolore alle orecchie? Grazie, Jenny

Risponde il dottor Nicola Marotta

Il dolore alle orecchie pu essere provocato da una malocclusione o, spesso, dai denti del giudizio mal posizionati, ma anche da processi cariosi a carico di altri denti. Le consiglio di effettuare una visita da un otorino oltre che da un dentista.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Daniela: "come conciliare un intervento con la passione per lo sport?"
[18 06 2015 ]
Daniela:
Gentile Dr. Marotta,
Ho preso visione del suo sito e delle risposte che gentilmente fornisce.
Ho 66 anni, sono attualmente in buona salute e circa una settimana fa mi sono sottoposta ad un intervento di grande rialzo del seno mascellare da ambo i lati superiori.
Gli stessi sono edentuli ed ho fatto questo per poter inserire a tempo debito gli impianti necessari per eliminare l'attuale scheletrato.
L'intervento andato bene, ho seguito il protocollo indicatomi dal mio dentista ed ora devo attendere ancora qualche giorno per la rimozione delle suture.
Nonostante io non sia pi giovane, ho una grande passione per il ciclismo che pratico con una certa frequenza.
Vorrei sentire un suo parere per quanto riguarda la ripresa di questo sport, senza compromettere tutto e che cosa consigliabile fare, naturalmente lasciando passare questi prossimi giorni.
La ringrazio e cordialmente La saluto
Daniela

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Daniela, lo sport non pu farLe altro che del bene. Ovviamente i primi giorni dopo l'intervento dovr restare per a riposo.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Rosaria: "base del molare nera"
[18 06 2015 ]
Rosaria:
Salve Dott. Marotta,
Una settimana fa mi stata fatta una corona/capsula molare in ceramica, in seguito a rottura di un dente (anni fa devitalizzato).
E' normale che alla base il mio nuovo molare sia nero? E' scuro proprio all'attaccatura del dente (che credo si chiami colletto), proprio come lo era prima dell'intervento.
Inoltre avverto un fastidio costante su tutto il lato che riguarda il dente in ceramica, soprattutto a livello gengivale.
Crede sia normale o mi conviene rivolgermi a un dentista?
La ringrazio, Rosaria.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Rosaria, Le consiglio di chiedere spiegazioni al dentista che ha eseguito il lavoro. Personalmente credo che la parte scura che descrive sia il bordino metallico tipico di una corona in metallo ceramica.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Luisa: "capsule che si staccano, vorrei un suo parere"
[18 06 2015 ]
Luisa:
Gentile Dottor Marotta, mio marito ha messo 3 capsule pagando 1700 . Due di queste si sono staccate una prima volta e sono state riattaccate. Ieri si sono staccate di nuovo. Il dentista si permette di ironizzare... Premetto che sono denti dell'arcata superiore, davanti, e da quando sono caduti la prima volta si fa scrupolo anche a masticare...
Gradirei un suo parere. La ringrazio e saluto cordialmente.
Luisa

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Luisa,
Le rispondo semplicemente e con simpatia, il mio parere lo conosce gi in quanto penso esattamente quello che pensa Lei. Mi scuser per il gioco di parole ma di pi non posso dire.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Maria: osteoporosi e bifosfonati
[18 06 2015 ]
Maria:
Gent.mo dottore,
Le scrivo per avere dei chiarimenti sul problema di chi, soffrendo di osteoporosi, deve assumere bifosfonati. Personalmente sono in cura da 5 anni con compresse settimanali.
L'equipe dei dentisti che mi segue qui a Pescara, contraria a questi farmaci dannosissimi in caso di estrazioni. Ho una osteoporosi del 28-29%, migliorata di 1 -2 punti dopo 5 anni di terapia.
Ho consultato una endocrinologa che mi ha detto che dopo 5 anni di cure bisogna interrompe se c' stato miglioramento. Il medico di base ritiene di proseguire in quanto questo quasi nullo. Il problema che i dentisti, di cui le ho scritto su, vorrebbero che lasciassi questa medicina e sostituirla con quella omeopatica che comprenderebbe 5 integratori al giorno da assumere sempre. Vorrei sapere, cortesemente, cosa ne pensa Lei, se ha dei casi che gi si curano con queste medicine alternative e che esperienza ha di pazienti che assumono bifosfonati.
La ringrazio per l'attenzione e per la risposta che gentilmente mi invier.
Distintamente La saluto.
Maria

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Maria, i bifosfonati sono dei farmaci molto importanti ed una fortuna che esistano. Sono indispensabili, e quindi insostituibili, per diverse patologie comprese le neoplasie.
Purtroppo, come ogni farmaco, non sono immuni da effetti collaterali.
Per troppo tempo tali effetti sono stati ignorati, spesso con gravi conseguenze, o ra si comincia fortunatamente a parlarne. Con le opportune cautele, e con i mezzi tecnologici che oggi abbiamo a disposizione, anche i pazienti che assumono tali farmaci possono essere sottoposti a cure odontoiatriche.
La ringrazio per la domanda, in quanto mi consente di far passare il messaggio che non esistono "pazienti difficili" ma basta solo un po' di buon senso nell'affrontare i problemi e, ovviamente, bisogna restare aggiornati.
Cordialit.
dr Nicola Marotta
Antonio: "una terapia troppo lunga"
[04 04 2015 ]
Antonio:
Salve dottore, sono un ragazzo di 18 anni e porto l' apparecchio ormai da 8 anni senza mai toglierlo (prima mobile ora fisso). All' inizio il mio problema era una mala occlusione di primo livello e i denti superiori sporgenti.
Adesso dopo pi di 8 anni mi ritrovo i denti ancora sporgenti e peraltro i canini che sono scesi parzialmente e i denti superiori tutti accavallati.
Il medico dice che deve fare spazio e poi il problema sar risolto ma io mi sono stancato e dopo tanti anni di sacrificio vedermi in queste condizioni non bello.
Volevo sapere come comportarmi e se c' stato un errore come rivalermi visto che io ho gi pagato l intera somma che mi era stata chiesta. Un saluto e se possibile una risposta quanto prima, grazie.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Antonio, otto anni per una terapia ortodontica sono davvero troppi.
Le consiglio di rivolgersi altrove e, forse, anche ad un buon avvocato.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Gabriella: "un colore diverso"
[04 04 2015 ]
Gabriella:
Gentilissimo dottore, buonasera, ho necessit di porle un quesito: ho un ponte in zirconio costituito da tre elementi. Quello centrale che sostituisce il dente mancante normale che abbia un colore differente dagli altri due? A parer mio no, visto che lo zirconio in teoria dovrebbe avere un effetto visivo bellissimo!
Chi l'ha montato si giustificato dicendo che la differenza del colore da addebitarsi al fatto che non vi al suo interno il moncone del mio dente. A me sembra una follia! Inoltre ho notato, sempre nello stesso elemento una macchia nera nella parte masticatoria! Consideri che ha un mese di vita! Attendo sue ! cordialmente , Gabriella.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Gabriella, non credo ci sia da preoccuparsi; a volte le caratterizzazioni (quando fatte bene) servono a rendere il lavoro protesico pi naturale possibile.
L'intento del collega che l'ha seguita era certamente questo.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Un lavoro discutibile
[04 04 2015 ]
Anonima:
Gentile Dott. Marotta salve! Navigando in internet mi sono imbattuto nella sua bellissima pagina. Questa la mia domanda: si possono fare, come hanno fatto a me, due arcate superiori che vanno a coprire sia impianti che denti naturali? E se si ammala un dente si deve rompere tutto?
Grazie per un consiglio, sono veramente demoralizzata di questo lavoro che mi costato 35.000 euro.
Grazie fin d'ora del tempo che vorr dedicarmi!

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile sig.ra, personalmente non avrei proposto un lavoro simile perch statisticamente, nel tempo, la percentuale di fallimento alta.
Tuttavia ormai inutile piangere sul latte versato; basterebbe informarsi, prima di intraprendere decisioni cos importanti.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Ivan: "Capsule di materiale diverso da quello concordato"
[04 04 2015 ]
Ivan:
Egr. Dottore, sono Ivan ho 28 anni e vivo a Napoli ; ho appena fatto un lavoro importante, di 18 capsule solo che ho dei dubbi e non se fidarmi dato che col dentista avevamo concordato in capsule oro-porcellana, ma alla consegna mi sono accorto che dentro sono grigie e che il materiale usato era diverso e non prezioso. La mia domanda : il costo diverso? Il dentista mi ha chiesto 350 a capsula.
Mi ha detto che le capsule sono in oro-porcellana, quindi preziose.
Come mi comporto?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Ivan, la questione sollevata non da poco. E' ovvio che parliamo di due tipologie di lavoro differenti; ma pi che parlare con me, dovrebbe chiedere il parere del Suo avvocato.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Carmen: "E' possibile che si verifichi decementazione?"
[19 03 2015 ]
Carmen:
Gentile dottore sono una signora di 42 anni. Un mese fa ho rifatto una protesi fissa in zirconia e ceramica composta da 11 corone arcata superiore. Oggi purtroppo sono ritornata dal dentista perch dopo averla fissata con cemento definitivo avevo la sensazione che si muovesse. Il dentista ha confermato ed ha, con il martelletto, rimosso il lavoro. Purtroppo l'incisivo centrale si rotto. Il dentista mi ha detto che nella prossima seduta mi avrebbe rimesso il lavoro provvisorio e in giornata avrebbe provveduto a riparare la corona. Ora mi chiedo: possibile che dopo soli 7 gg un cemento definitivo possa decementare e la corona, una volta rotta su una protesi di altri 10 corone tutte unite in un unico pezzo, possa venire rifatta senza compromettere la protesi intera? In attesa di una celere risposta, cordiali saluti. Carmen

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Carmen, la decementazione possibile, magari a causa di un'infiltrazione di saliva. Per ci che concerne la riparazione invece, dovrebbe chiedere al collega che la sta seguendo, non posso riferire nulla se non conosco il lavoro in dettaglio.
Cordiali Saluti.
dr Nicola Marotta
Serena: "Perch i miei denti si spostano di nuovo?"
[19 03 2015 ]
Serena:
Ho dovuto mettere l'apparecchio fisso, sia sopra che sotto, a causa della presenza di spazi solo tra i denti avanti. Lo porto da circa un anno e mezzo sopra, e sabato scorso il mio dentista me lo ha tolto. Ero felicissima perch finalmente mi sentivo a mio agio a sorridere. Purtroppo a distanza di una settimana ho notato che si sono distanziati di nuovo, nonostante io abbia seguito le indicazioni del dentista nel portare un apparecchio mobile la notte e per paura ora lo sto tenendo tutto il giorno. Il mio dentista non della mia zona e viene nel mio paese solo quando mette l'appuntamento ed io ho paura che fino al prossimo appuntamento (tra 2 settimane) lo spazio sar ancora pi evidente ed ora mi sento di nuovo a disagio a sorridere. Come mai accaduto ci, nonostante io ho rispettato tutte le indicazioni?
Non vorrei dovere di nuovo mettere quello fisso.
La ringrazio per la risposta.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Serena, la recidiva molto frequente!
A mio avviso dovresti portare per sempre una contenzione fissa.
Cordiali Saluti.
dr Nicola Marotta
Maria: "Argento in bocca"
[19 03 2015 ]
Maria:
Salve Dott. Marotta,
luned mattina ho fatto l'estrazione di un molare, causa granuloma. Il dente era stato in precedenza, anni fa, devitalizzato e il mio vecchio dentista aveva usato un materiale scuro per chiudere il dente.
L'estrazione stata abbastanza laboriosa, mezz'ora di lavoro, ma alla fine il mio dentista ha estratto tutto, e addirittura mi ha fatto vedere come il materiale 'argentato' fosse presente nel granuloma stesso!
Ebbene, nonostante tutto non ho avuto dolori, non ho preso antidolorifici o antiinfiammatori, sono l'antibiotico tre gg prima (Zitromax).
Adesso non ho dolore n gonfiore, ma non mi convince il colore del coaugulo di sangue... che grigio-verde... Ho pensato possa essere dovuto al fatto che il dente estratto era grigio a causa del materiale con cui era stato chiuso. Mi devo preoccupare? Grazie.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Maria, non credo ci sia da preoccuparsi, tuttavia occorrerebbe sottoporsi ad una visita in studio. Ci segua sul nostro profilo facebook (studiodentistico Marotta), prossimamente, a partire dal mese di aprile, ci saranno degli incontri del tutto gratuiti dedicati ad ogni singola disciplina dell'odontoiatria.
Cordiali Saluti.
dr Nicola Marotta
Rosaria: "Impianto rigettato"
[19 03 2015 ]
Rosaria:
Buonasera dottore, mi chiamo Rosaria. Mia figlia, l'anno scorso, ha iniziato tutta la prassi per fare l'impianto ma, quando arrivato il momento di inserire il dente, il perno caduto e ha dovuto fare di nuovo l'intervento compreso l'inserimento dell'osso.
Adesso si ristretta la gengiva e ha un buco davanti che arriva fino sotto il naso (internamente).
Ora vorrei chiederle se dopo l'impianto si rimette a posto e come mai successo tutto questo.
La ringrazio.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Rosaria, non esiste il rigetto dell'impianto, esiste per il fallimento. Quello che mi descrive appunto questo. Le cause non possono essere da me intercettate, ma dal collega che ha eseguito l'intervento. Le ipotesi possono andare da un'esecuzione chirurgica avvenuta in maniera non del tutto sterile, ad un problema legato all'igiene orale della paziente o ad abitudini scorrette quali il fumare o ancora patologie di base, etc. La tranquillizzo riguardo la guarigione in quanto la natura far sicuramente il suo corso. Auguri.
Cordiali Saluti.
dr Nicola Marotta
Melinda: "Un problema angosciante"
[19 03 2015 ]
Melinda:
Buonasera Dottore, sono una ragazza di 30 anni. Ho un problema che sta angosciando da 10 anni, la mia anima e diminuendo il sorriso sempre pi. Racconto la mia storia scusandomi della terminologia non giusta usata nel campo odontoiatrico, ma spero che lei mi risponder e mi indirizzer nella giusta via .
Dalla nascita mi mancano gli incisivi laterali superiori.
I miei genitori (persone molto umili della Sicilia ) mi affidano ad un dentista per risolvere il problema. Costui mi mette un apparecchio per due anni per creare uno spazio giusto e mettere le viti dove mancano i denti.
Solo che il programma cambia... Bocca troppo piccola dice, e mi ha limato tutti i denti superiori per mette le capsule.
Dopo 10 anni soffro ancora ... Anche perch informandomi so con certezza che si poteva tranquillamente procedere come previsto e mettere solo i due mancanti e lasciare tutti i miei denti com'erano.
Ora come si dice: "Non si pu piangere sul latte versato ".
Vorrei sapere se possibile estrarre quei denti limati e procedere con l'impianto con le viti (risulta molto pi naturale e bello ).
La ringrazio anticipatamente. Melinda

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Melinda, il problema non di semplice risoluzione.
Non sono affatto convinto che la Tua richiesta sia la cosa migliore da fare, anzi! E' necessario che tu ti sottoponga ad una visita in studio, in modo tale che possa consigliarti la strada giusta da prendere.
Cordiali Saluti.
dr Nicola Marotta
La gengiva annerita
[05 03 2015 ]
Anonimo:
Buongiorno dottore.
Ho notato, dove ho tolto un molare circa 3 anni fa, che la gengiva dove c'era il dente e un po' nera.
E' normale?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Le cause possono essere molteplici, magari uno stravaso di sangue, o potrebbe anche trattarsi di un "tatuaggio da amalgama" ovvero di una colorazione assunta nel corso del tempo dalla gengiva vicina a qualche dente con otturazioni di vecchio tipo in "amalgama d'argento".
Se vuole approfondire dovrebbe fare una visita dallo specialista.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Quel dolore dopo la preparazione per un perno
[05 03 2015 ]
Anonimo:
Buongiorno. Avevo una capsula a ponte su un dente.
Tolto il ponte volevo una capsula singola sullo stesso dente.
Appena stato scavato e preparato per un nuovo perno, la sera stessa ha iniziato a farmi male. Notti insonni; gonfiore per 4 giorni. Al secondo giorno sono ritornato e l'ha aperto ma il dolore e gonfiore continua. Come mai, se prima di toccarlo non avevo mai avuto dolori in quel dente??? Sono con Bentalan per gonfiore e antibiotico per infiammazione. Speriamo bene. Non riesco a capire cosa sia potuto succedere e se risolvibile.
Conviene continuare a prepararlo per una nuova capsula?
Grazie mille

Risponde il dottor Nicola Marotta

Dalla descrizione fatta credo proprio che il dente sia ormai compromesso a causa di una perforazione, quindi non le consiglierei di proseguire con questo tipo di lavoro.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Formicolii e fitte di dolore
[05 03 2015 ]
Anonimo:
Buongiorno dottore sono una ragazza che per qualche ragione ha perso tanti denti e un mese fa in una clinica mi hanno fatto degli impianti, per essere pi precisa 8, ossia 4 in ogni arcata.
Ho dei formicolii nella met del labbro e il dottore me ha detto di prendere la vitamina b, ho fatto una radiografia e dicono che a posto .
Ma un mese dopo, nella arcata destra, ho cominciato a sentire delle fitte dolorose e ho un bel gonfiore, ho davvero molta paura

Risponde il dottor Nicola Marotta

I sintomi descritti lasciano intendere un problema di tipo nervoso.
Purtroppo una possibile complicanza di questo tipo di intervento la parestesia causata dalla compressione dell'impianto sul nervo alveolare inferiore.
Per approfondire dovrebbe ricorrere ad una TAC.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Maria, una faccia gonfia a dismisura dopo l'intervento
[24 02 2015 ]
Nicola:
Salve dottore. Sono una ragazza di 26 anni e mi sono sottoposta all'estrazione di un molare del giudizio inferiore. Tutto andato tranquillo, un po' di sanguinamento, ma il post andato tutto ok. Cos credevo che fosse anche una seconda volta .. .ignara di ci che mi ha aspettava. Mi hanno estratto un molare ( spezzato e bucato dopo una precedente cura e otturazione ) mercoled 11 febbraio...Fino a questo momento tutto bene, estrazione tranquilla ... Solo la sera un po' di fastidio e presi una bustina di Nimesulide, come consigliatomi dal dentista. Da questo momento in poi ho penato letteralmente... fino a trovarmi una faccia deformata, un mostro, gonfio quasi scoppiasse, rossa, bollente, dolore allucinante, tanto che non riuscivo neanche a respirare. Il dentista dice che pu essere normale una reazione simile e mi prescrive l'Augumentin che devo assumere due volte al d. Non ottengo nessun miglioramento fino a quando dopo 3 giorni di pillole mi sveglio con anche l'occhio gonfio e bocca tirata.... una faccia che si gonfiava a dismisura... vado al pronto soccorso e appena mi vedono rimangono tutti a bocca aperta. Mi visita un chirurgo il quale mi dice che per come sto devo farmi le siringhe e mi prescrive il Bentelan e le Rocefin. Ora sto un po' meglio.. .fortunatamente, ma il problema persiste..
Questa terapia va bene? In ospedale mi fecero prima la Bentelan e poi io a casa ho fatto la Rocefin. Poi oggi ho fatto viceversa.
Grazie e spero in una risposta. Cordiali saluti, Maria

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Maria, la terapia pi adeguata al caso Suo Le pu essere data soltanto da chi l'ha in cura oppure chi l'ha visitata.
Personalmente Le consiglio di seguire alla lettera le indicazioni dei colleghi cos come prescritto. Cordiali saluti e auguri di pronta guarigione.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Nicola: "Temo che l'anestesia sia durata troppo"
[24 02 2015 ]
Nicola:
Gentile dottore, le scrivo perch ieri mattina sono stato dal dentista per devitalizzare un dente e ancora oggi sento dolore alla mascella nel punto in cui mi ha iniettato l'anestesia. Inoltre, l'effetto dell' anestesia mi durato circa sei ore, cosa che non mi era mai capitata prima, nonostante avessi gi fatto altre cure e devitalizzazioni presso un altro dentista.
Cosa pu essere successo?
La saluto e la ringrazio in anticipo per la risposta.
Nicola

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Nicola, solitamente per devitalizzare un molare inferiore richiesta l'anestesia dell'intero tronco nervoso (anestesia tronculare) per cui l'effetto pi lungo rispetto ad una anestesia praticata in loco.
Il mio consiglio di stare assolutamente tranquillo.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Anna: "Dopo l'estrazione avverto maggiore sensibilit, normale?"
[24 02 2015 ]
Anna:
Gentile dott. Marotta, volevo porle la mia domanda: io ho tolto 15 gg fa il dente del giudizio superiore sinistro. Il dentista non mi ha dato i punti. Ho cominciato a fare sciacqui con acqua e acqua ossigenata, consigliato dal dentista. Adesso sembra che sia andata a posto la gengiva per se mangio dalla parte sinistra sento il dente vicino che sensibile al caldo e freddo, e non cariato. Volevo sapere se normale e se ci vorr ancora un poco di tempo, oppure ci pu essere qualcosa altro.
Grazie per la sua cortese attenzione. Anna.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Anna, la sensibilit descritta pu essere diretta conseguenza dell'estrazione, ovvero probabile che il dente del giudizio estratto, con il suo intimo contatto con il secondo molare, svolgesse una certa azione protettiva nei suoi confronti, ed ora questo, trovandosi scoperto, risulta pi sensibile di prima.
Pazienta qualche giorno e vedrai dei miglioramenti
dr Nicola Marotta
Daniele : "Sento i denti instabili, ma il dentista dice di no"
[24 02 2015 ]
Daniele:
Salve dottore, le scrivo riguardo ad un problema che mi affligge da un bel po' di tempo.
Ho sempre la sensazione che i molari dell' arcata superiore, se li tocco con le dita sembra che si muovano, oltre che a fare uno strano scricchiolio e succede pure agli incisivi, davanti arcata superiore la stessa cosa.
Sono stato da due dentisti e mi hanno detto che i denti non si muovono.
Faccio la pulizia ogni 6 mesi e i regolari controlli , solo che ho sempre queste sensazioni.
Aggiungo che quando mangio prodotti come cioccolata, yogurt, formaggi diciamo un po' tutti prodotti provenienti dal latte lo scricchiolio lo si sente di pi.
La mia paura e che possa perdere i denti anche se il dentista mi ha escluso che ho la parodontite.
Distinti saluti
Daniele

Risponde il dottor Nicola Marotta

Caro Daniele, da quello che scrivi capisco che una visita, anzi due, l'hai fatta. Quindi fidati di ci che ti stato detto dal dentista.
dr Nicola Marotta
Angela. Un caso troppo specifico
[24 02 2015 ]
Angela:
Sono una ragazza di 19 anni. Porto l'apparecchio fisso da 4 anni perch, come dice il mio dentista, "ho una bocca brutta" ossia morso troppo stretto, articolazione sinistra assente e un canino incluso che mi stanno cercando di tirar fuori!
Mi stato tolto il dente da latte e esattamente il 23 gennaio 2014, ho fatto l 'operazione per estrarre il canino che ora dovrebbe uscire allo scoperto, spero!
Quanto tempo ci vuole massimo per far si che esca e si metta a posto?
E per l'articolazione sinistra va bene il crs cros facilitato dalle molle?
Aspetto una sua risposta, rincuorante magari!
Grazie e distinti saluti.Angela

Risponde il dottor Nicola Marotta

Cara Angela, da quello che scrivi capisco che sei gi in cura da un bel po' di tempo, quindi fidati del collega che ti sta seguendo.
I tempi pu saperli soltanto lui, sulla base dello studio del Tuo caso specifico.
Auguri.
dr Nicola Marotta
Francesco. Troppi quesiti che necessitano di diagnosi
[24 02 2015 ]
Francesco:
Buona sera, ho cinquant'anni e sono a chiederLe un parere che probabilmente risulter grossolano, circa una mia situazione personale purtroppo, non potendole fornire panoramica o altro.
Mi mancano IV e V superiore DX, IV superiore SX, ho una doppia corona su VI e VII superiore DX, meno di mezzo dente V superiore SX devitalizzato, tutto questo da circa 30 anni. Sin dalla mia giovane et recatomi da alcuni dentisti, che prima curavano la carie con otturazioni piuttosto piccole o modeste, poi con otturazioni pi grandi perch non tenevano, poi con ricostruzioni, devitalizzazioni e monconi, poi con corone e alla fine deluso, meglio senza.
Dopo tanti anni mi sono riaffacciato per curiosit e farmi un parere in merito.
Mi stato consigliato di fare quattro impianti, di devitalizzare i miei restanti e limarli affinch montare un'arcata fissa.
Certo mi piacerebbe vedermi con bei denti e quasi perfetti Ad oggi mangio tutto senza alcun problema, l'aspetto frontale non male ed i rimanenti li sento forti. E' vero che mi salita un po' la gengiva agli adiacenti dei mancanti ed un po' forse si saranno allentati, ma sarei felice di un suo parere.
Devitalizzare e assottigliare quei pochi rimasti per una protesi pu essere un buon investimento? E quanto pu durare un'arcata? E di quale materiale dovrei richiederlo.
Sono a porLe qualche quesito perch certo e sicuro di un parere disinteressato.
Nel ringraziarLa anticipatamente.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Francesco, capisco lo sforzo di fornirmi una descrizione completa e - diciamo - dettagliata, ma in medicina possibile fornire una terapia corretta solo dopo una diagnosi completa, alla quale si arriva dopo un percorso di visite cliniche e radiografiche. Se questo iter l'ha portata alla cura che sta per iniziare ed il medico che La segue gode della Sua fiducia, non vedo il perch delle Sue, seppur lecite, domande. Il mio consiglio di affidarsi nelle mani del professionista che La sta seguendo, e che il solo, sulla base dello studio del Suo caso specifico, che potr rispondere ai Suoi interrogativi. BR>Auguri.Cordialit
dr Nicola Marotta
Giuseppe:"E' possibile ricostruire pi volte il dente in composito?"
[10 02 2015 ]
Giuseppe:
Ho due incisivi centrali in parte ricostruiti con composito; ho morso un panino si spezzato il dente, ovvero il composito di uno dei due incisivi.
La ricostruzione pi o meno durata 2 anni, ora volevo chiederle: possibile ricorrere nuovamente alla ricostruzione in composito del dente?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Giuseppe, la ricostruzione in composito si pu ripetere, ma per risolvere il problema in maniera definitiva il mio consiglio quello di ricorrere ad una faccetta in ceramica.
Chieda al Suo dentista, vedr che il consiglio sar lo stesso.
Cordialit
dr Nicola Marotta
"Dieci anni di terapia ortodontica, davvero troppi!"
[10 02 2015 ]
Anonima:
Sono una ragazza di 21 anni e dai 9 ai 12 anni.
Ho portato un apparecchio ai denti, prima mobile poi fisso, per allargare il palato e raddrizzare i denti che erano larghi (infatti ho subito anche un intervento per togliere il frenulo) e storti a causa del pollice in bocca.
All'et di 14 anni ho scoperto di avere il canino incluso, ma il dentista mi ha creato solo una marea di problemi con l'operazione che mi ha fatto; cos all'et di 16 anni ho cambiato dottore e ora sono 5 anni che ho questo dente in trazione.
Sono a met strada e temo che avr problemi una volta che toglier l'apparecchio.
In pi, tutto questo mi crea molto disagio quando parlo o rido.
Cosa succede ai denti dopo pi di 10 anni di apparecchio?
Le allego una foto cos potr rendersi conto di cosa le parlo. Spero in una sua risposta. Cordiali saluti.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile lettrice, non ci vuole certo un medico per dirLe che le cure seguite fino ad ora sono state inefficaci e forse addirittura dannose. Non conoscendo la situazione di partenza non posso certo sbilanciarmi, ma 10 anni per qualsiasi terapia ortodontica sono davvero troppi. Quello a cui si pu andare incontro dopo tutti questi anni sono, non solo carie, infiammazioni gengivali e decalcificazioni dei denti, ma anche lesioni cutanee o mucose, allergie, comparsa di dolori o rumori all'articolazione temporo?mandibolare, perdita di vitalit di un dente e anchilosi dentaria, nonch riassorbimento delle radici.
Il consiglio che Le do di mettersi in mani migliori.
Auguri sinceri
dr Nicola Marotta
Sanguinamento gengive: protesi non perfetta o cattiva igiene orale?
[10 02 2015 ]
Paolo:
Le scrivo in merito ad un problema di capsula installata da poco: ho un dente devitalizzato dove vi era una capsula che poi si rotta e premetto che intorno c' un po' di bluastro.
Mi hanno detto che il classico tatuaggio da amalgama.
Sono rimasto circa 6 mesi senza capsula, la gengiva da un lato si ritirata un po', ma non ho avuto problemi di sanguinamento.
Da quando 1 mese fa ho messo la capsula nuova in ceramica integrale mi sanguinano le gengive e la zona dolente; sono riandato dal mio dentista che mi ha detto che c'era un'infiammazione dovuta a scarsa igiene orale.
Quindi mi ha ritrattato la zona con laser e ablazione; dopo qualche giorno la situazione come prima: secondo lei cosa pu essere?
Lavo i denti nel miglior modo possibile utilizzando anche il filo interdentale, quindi eseguo una buona igiene orale.
Grazie e Buona serata

Risponde il dottor Nicola Marotta

Le cause possono essere molteplici, e possono dipendere dal paziente come dall'operatore.
Nel primo caso vi una non corretta igiene orale, mentre tra le cause di natura tecnica vi pu essere la non corretta realizzazione del manufatto protesico.
La invito ad un controllo, anche radiografico.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Marianna: "Il bambino ha dolore per via dell'apparecchio: normale?"
[10 02 2015 ]
Marianna:
Salve dottore, le scrivo perch ieri mio figlio di nove anni ha messo l'apparecchio ed ora sente dolore alle mascelle e mi sembra che il labbro sia un po' gonfio.
Capisco che la mia spiegazione sia un po' vaga, ma non so spiegarmi diversamente, non conosco i termini tecnici.
Vorrei sapere se normale o devo preoccuparmi?
La ringrazio in anticipo.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Marianna, la sensazione dolorosa dopo aver montato un apparecchio ortodontico del tutto normale: i denti si spostano in quanto, applicando una forza su di essi mediante l'uso di apparecchi, fili od elastici, si genera una modificazione dell'osso che li circonda. In seguito all'applicazione di una forza il paziente pu avvertire una sensazione dolorosa di varia entit dopo circa due?tre ore che pu durare per circa 48?72 ore.
Stia tranquilla. Saluti
dr Nicola Marotta
Francesca: "Dopo l'estrazione resta il buco nella gengiva: devo preoccuparmi?"
[10 02 2015 ]
Francesca:
Salve, ho trovato alcune sue risposte in un sito e devo porle delle domande essendo una ragazza ansiosa.
Dunque, la mia situazione era che il molare destro, quello posto prima del dente del giudizio, si era cariato... e con l'andar del tempo me n'era rimasto solo un pezzetto.. ma si era andata a infilare in mezzo tra quel dente e quello del giudizio la gengiva... e il dentista facendo l'estrazione l'ha dovuta tagliare...
Non ha messo punti...
Il mio medico poi mi ha dato antibiotico e sciacqui con Tantum Verde... Ma normale che io ora abbia un buco profondo? Che per me profondissimo... sono passati 6 gg dall'estrazione... quanto ci mette a chiudersi?
Grazie. Francesca

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Francesca, il dente estratto era un molare, ed occupava uno spazio considerevole nella tua bocca, per cui ci che descrivi del tutto normale.
Se non hai alcun dolore, che un segnale di allarme del nostro organismo, non c' nulla di cui preoccuparsi.
Saluti
dr Nicola Marotta
Sangue dal naso dopo cure dentarie
[10 02 2015 ]
Dario:
Salve ieri ho curato due carie del penultimo e ultimo molare superiore sinistro. Le carie erano molto profonde, ed stata una dura e lunga seduta, ma c' l'abbiamo fatta. Iieri sera ho starnutito e mi esce il sangue dal naso dalla parte dei denti curati: mi devo preoccupare? Preciso che non ho mai sofferto di epistassi in vita mia, quindi mi sono molto spaventato Saluti.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Dario, sinceramente non vedo alcuna attinenza fra le due cose.
Saluti
dr Nicola Marotta
Michela "Ho subito da poco diversi interventi, ma non riesco a mangiare".
[10 02 2015 ]
Michela:
Salve sono Michela, sono tornata ieri dalla Croazia.
Premetto che, in ottobre, ho inserito due impianti e la settimana scorsa ho limato tutti gli altri denti, devitalizzato 12 denti e messo i ponti in tutte e due le arcate. Il fatto che, oltre alla sensazione che i denti non mi appartengano, che mi sembra normale, non riesco a mangiare a dare un morso; usando la forza sento dolore.
Loro dicono che avendo fatto un grosso lavoro in poco tempo normale e ci vorranno due o anche pi settimane per tornare alla normalit.
Ho paura e mi sento scoraggiata perch ho usato tutti miei risparmi per poter mangiare meglio... e ora anche il pane per tramezzini mi sembra duro. Spero in una sua risposta, saluto e ringrazio.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Michela, l'intervento che ha subto stato molto impegnativo, sotto tutti gli aspetti, anche quelli biologici.
Per cui il percorso di riabilitazione lungo ed appena cominciato.
Le faccio i miei migliori auguri.
Saluti
dr Nicola Marotta
Massimo: "Il dentista mi ha prescritto due antibiotici prima dell'intervento, corretto?"
[10 02 2015 ]
Massimo:
Buonasera dottore, volevo sapere se giusto prendere due antibiotici insieme come mi ha prescritto il mio dentista, prima di un applicazione di un perno fisso un paio di ore prima dell'intervento
La ringrazio anticipatamente.,

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Massimo, la terapia che Le stata prescritta senza dubbio la migliore per il Suo specifico caso. Si affidi con fiducia.
Saluti
dr Nicola Marotta
Guendalina: "Sento la capsula troppo grande"
[10 02 2015 ]
Guendalina:
Buonasera dottore, ho messo una capsula su un molare, ma ho una sensazione di fastidio come se fosse un po' troppo grande.
Il fastidio si estende anche sulla gengiva.
Cosa fare per alleviare gli effetti?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Guendalina, come tutte le riabilitazioni protesiche anche questa richiede un primo periodo di adattamento.
Aspetti qualche giorno, se i fastidi non dovessero diminuire si rivolga con fiducia al Suo dentista. Cordialit
Saluti
dr Nicola Marotta
Flavia: "Forte sensibilit dopo la cura di una carie, perch?"
[10 02 2015 ]
Flavia:
Salve Dottore, desideravo un'informazione.
Qualche giorno fa sono stata dal mio dentista perch mi faceva male l'ultimo molare in basso a sinistra quando mangiavo.
Lui ha fatto una panoramica locale e mi ha detto che era presente una piccola carie.
Quindi mi fa l'anestesia e cura la carie. Il problema che da quando ho ripreso a mangiare ho una forte sensibilit a qual dente, anche quando mangio cose a temperatura ambiente!
Cosa che prima non avevo. Secondo lei, cosa pu essere accaduto?
La ringrazio in anticipo.
Flavia

Risponde il dottor Nicola Marotta

Probabilmente, cara Flavia, in realt la lesione era pi profonda di quanto apparisse radiograficamente.
Saluti
dr Nicola Marotta
Elisa: "Quel dolore alla testa dopo aver tolto dente del giudizio"
[10 02 2015 ]
Elisa:
Gentile dottore, una decina di giorni fa ho tolto il dente del giudizio (quello dell'arcata inferiore a destra) perch mi faceva male e dalla radiografia era evidente che andata a toccare la radice del molare davanti.
Premetto che soffro spesso di mal di testa, come mio punto debole, ma da quando ho tolto il dente non riesco quasi a dormire perch ho un mal di testa pulsante sul lato destro della testa, nella zona della mandibola, dalla tempia e fino a dietro il collo.
Sto prendendo del Voltfast 50mg, ma vorrei che mi passasse. normale?
Grazie dell'attenzione.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Elisa, l'estrazione dei denti del giudizio, in particolar modo quelli inferiori, pu essere un'operazione abbastanza complessa, quindi normale avere dei sintomi post-intervento come i Suoi.
Dia tempo al tempo.
Auguri
dr Nicola Marotta
Allungamento di corona clinica
[10 02 2015 ]
Anonimo:
Gentile Dottore,
Le scrivo a questo indirizzo che ho trovato in internet, su un forum, dove lei d dei pareri gratuiti. Circa 15 giorni fa sono stato sottoposto ad allungamento corona clinica perch la gengiva tra il dente 16 e 17 mi sanguinava in continuazione.
La diagnosi diceva "carie profonda". Appena devitalizzato il dente 16 con relativa cura canalare mi veniva eseguita questo allungamento di corona clinica per poter mettere una capsula.
Tuttavia adesso dopo circa 15 giorni ho dei piccoli dolori alla zona interessata e ho un buco tra il 16 e il 17 che si riempie sempre di cibo all'inverosimile.
Specifico che il 17 un dente con corona "incapsulato" e con la voragine si vede tutto e si formato uno scalino... normale?
Grazie dottore, la ringrazio in anticipo ed aspetto una sua ipotesi perch sono preoccupato.
Mi sono rivolto ad una clinica dentistica a malincuore perch il mio dentista di fiducia durante le feste non era reperibile..

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile signore, il sanguinamento ed il dolore rientrano nella normalit dell'intervento che ha subto, soprattutto se per eseguirlo il dentista non ha adoperato strumenti quali il Laser o l'elettrobisturi, che riducono notevolmente questi inconvenienti.
Per quanto riguarda lo scalino che ora Lei nota, si render necessario il rifacimento della corona sul dente 17 in quanto la capsula ha "perso" la chiusura corretta esponendo quindi una porzione di dente che prima era coperta da mucosa.
Mi tenga aggiornato.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Perni dentali
[10 02 2015 ]
Anonima:
Salve dottore, sono una ragazza di 23 anni. Da 2 mesi ho dovuto far devitalizzare e ricostruire un dente davanti (il premolare), ma da subito ho avuto fastidi.
Sono ritornata dal mio dentista, mi ha solo sistemato una punta che diceva che tutta la forza di masticazione e/o chiusura del dente batteva li. Mi ha fatto una radiografia e mi ha detto che non c'era niente, ma se avessi ancora avuto dolori, mi avrebbe aperto di nuovo il dente e ricostruito.
Onestamente, non ho avuto pi tanta fiducia e sono andata da un altro medico.
Dopo un'altra radiografia, uscito fuori che il "canale" non stato riempito completamente e che stata inserita una "vitina" seghettata IN FERRO che, mi ha spiegato, viene utilizzata pi che altro per il gesso e per le protesi!!
Le mie domande sono: questa "vitina" seghettata in FERRO soggetta a ruggine?
Questo lavoro fatto male, che mi ha continuato e mi continua a far male ed a darmi fastidio, pu essere rimediato o il dente andr perso? Posso chiedere un risarcimento di quanto mi costata la devitalizzazione?
Grazie in anticipo del suo aiuto e del suo consiglio.
In attesa di una sua risposta, spero al pi presto, le porgo Cordiali Saluti.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile lettrice, non mi possibile commentare il lavoro di un collega senza nemmeno averLa visitata. Posso soltanto consigliarLe di affidarsi al professionista che Le ispira pi fiducia. Auguri
dr Nicola Marotta
Anestesia
[10 02 2015 ]
Mario:
Gentile dottore buonasera. Sono allergico alle pennicilline e purtroppo lo scorso anno ho scoperto anche all'anestesia. Ero dal dentista per curare un dente; dopo qualche minuto dall' iniezione ho avvertito sensi di bruciori interni al collo e di soffocamento.
Molto tempestivamente mi ha iniettato una puntura di Bentelan riuscendo a scampare per fortuna anche da quest'altro spiacevole evento. La scorsa settimana, dovendo andare dal dentista per curare urgente una carie, ho dovuto fare sia i prick test che i challenge all'anestetico (mepivacaina) risultandone negativo.
Cos il dentista ha eseguito l'otturazione iniettandomi qualche goccia di questa fiala senza alcun problema. Ma si accorto di un dente del giudizio cariato (che tra l'altro ogni tanto mi d dei fastidi) che secondo lui da estrarre urgentemente.
Cos mi ha anche detto che probabilmente ci vorranno una o addirittura pi fiale di anestetico perch dovr praticare la cosiddetta anestesia ''Tronculare''. La mia domanda se si possono correre dei rischi (anche minimi) di allergia con dosi pi elevate rispetto a quella dose minima usata per l'otturazione?
Grazie. Mario

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Mario, stia tranquillo. Se fosse davvero allergico a quel tipo di anestetico, anche una piccolissima dose avrebbe scatenato una risposta da parte del Suo organismo.
Abbia fiducia.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Cos' la fibrosi dell'impianto?
[10 02 2015 ]
Vittoria:
Buonasera, ho fatto due impianti circa un anno fa. Tutto andava bene, fino a quando ho cominciato ad avvertire dolore durante la masticazione.
Sono andata dal dentista e dopo la radiografia e le dovute osservazioni ha deciso di rimuovere gli impianti, che tra l'altro si muovevano.
Ha concluso che ci fosse materiale fibroso.
Ha rimosso gli impianti ed ha proceduto ad una rigenerazione ossea. Ho la guancia gonfia e svariati punti che mi danno un fastidio incredibile.
Vorrei chiederle due cose: che significa fibrosi nell'impianto, e se tutto questo dovuto ad una mia colpa o del dottore. Inoltre: adesso normale che sento un sanguinamento in bocca (ho fatto ieri pomeriggio la rigenerazione ossea)?
Sono molto stressata e perplessa anche perch ho speso una certa cifra per questi impianti.
Grazie e buona serata

Risponde il dottor Nicola Marotta

Talvolta l'osteointegrazione, ovvero la formazione di nuovo tessuto osseo attorno all'impianto, pu non avvenire e di conseguenza ci che si forma invece tessuto fibroso.
Questo il pi delle volte avviene a causa di micromovimenti che sollecitando l'impianto ne causano il fallimento.
Probabilmente Le stato fatto un "carico immediato", cio subito dopo l'intervento Le stato messo anche il dente, questo comporta dei rischi quali appunto la possibilit di perdere l'impianto stesso. Tuttavia ci sono molte altre possibili cause: scarsa igiene orale, fumo, disordini endocrini, ecc. Il sanguinamento, se in modeste quantit, del tutto normale.
dr Nicola Marotta
Dente o impianto?
[10 02 2015 ]
Antonella:
Buongiorno Dottore sono una ragazza di 32anni, che l'anno scorso si rotta un canino. Avevo un quarto di dente e un dentista ha ricostruito.
A distanza di un anno ho avuto una forte infezione perch non hanno devitalizzato il dente. Il mio nuovo dentista mi ha sconsigliato di utilizzare di nuovo la mia radice direzionandomi ad un implantologia con vite, costo totale 1200 .
Ho chiesto il parere ad un altro dentista che invece vuole provare a curare la radice e ricostruire il dente con un perno moncone e rivestito con capsula in ceramica.
Costo totale circa 700 . Sono molto confusa vorrei un suo parere.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Antonella, la valutazione sulla terapia pi corretta al caso Suo in grado di farla solo chi in grado di visitarLa.
Personalmente credo che il recupero del proprio dente, quando possibile, sia sempre la scelta pi opportuna.
Cari saluti
dr Nicola Marotta
Cattive abitudini
[10 02 2015 ]
Anonimo:
Salve Dottore, volevo chiederle: da una decina di anni che per vizio striscio la mandibola con i denti di sopra, tanto che ormai da molti anni si muovicchiano e non hanno affatto un buon odore. Provando per 3 settimane a non fare questo movimento la situazione non cambiata. Secondo lei la situazione si aggiusta se non muovo pi i denti o deve intervenire un dentista? Se s, per fare cosa? Cosa accaduto alle radici dei miei denti? Grazie

Risponde il dottor Nicola Marotta

Probabilmente Lei soffre di parodontite, aggravata dal bruxismo, ovvero digrignamento dei denti.
Le consiglio vivamente di rivolgersi ad un dentista.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Innesto dal palato. Si stanno riaprendo i punti dopo l'intervento? Un suo consiglio.
[10 02 2015 ]
Valentina:
Salve, ho fatto venerd 23 l'operazione ad una recessione gengivale.
Ho il controllo il 4 febbraio, ma sto notando una cosa strana: sotto al palato ho i punti; siccome li stato preso il tessuto e poi innestato ed qui che sento con la lingua un pezzetto di carne.
Una pallina, non so come spiegare che mi da fastidio e mi fa male. Cosa pu essere? Si sta aprendo qualche punto?
Grazie. Valentina

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Valentina, probabile, ma senza visitarLa non posso dirlo con certezza.
Si rivolga al medico che l'ha in cura. Cordiali saluti
Cordialit
dr Nicola Marotta
Mariella: "Non riesco a masticare con la protesi mobile"
[26 01 2015 ]
Mariella
Buongiorno dottore, vorrei un consiglio.
A settembre ho messo una protesi mobile.
In pratica mi mancano tanti denti. Ho solo i 2 denti del giudizio. La protesi in resina ma a tutt'oggi mi fa le piaghe sulle gengive e non riesco a mangiarci perch mi fa male... Se mangio il pane morbido non lo trita e mi fa male alle gengive il cibo mentre provo a masticare mi rimane appiccicato alla protesi e se non metto il dito per staccarlo mi strozzo. Mangiare diventata un' impresa. Infatti ho preso la decisione di metterla solo come estetica. Secondo lei perch mi succede questo? Io avevo portato anche un'altra protesi prima di questa ed era diversa: aveva le arcate in metallo, ma non mi ha dato questi problemi.
Da cosa potrebbe dipendere?
Grazie per la risposta e tanti auguri per la sua professione.
Mariella.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Mariella, anzitutto La ringrazio per gli auguri. Dunque, le piaghe che descrive sono facilmente controllabili dal dentista, ma ovviamente deve recarsi periodicamente a controllo.
Per ci che riguarda invece gli altri problemi che Lei accusa, questi sono tipici dei portatori della classica protesi mobile. Purtroppo non esiste alcun rimedio, salvo l'implantologia, che Le consentirebbe di recuperare la funzione masticatoria mediante protesi fissa.
La protesi col metallo, di cui parlava, prende il nome di "scheletrato", ed una buona soluzione quando la protesi di tipo parziale in quanto i disagi sono nettamente minori. Anche questa protesi oggi trova per un'alternativa, ed la protesi flessibile.
In ogni caso La invito a valutare la possibilit di sottoporsi ad intervento di implantologia, perch la funzione pi importante dei denti, ancora oggi, quella di masticare! Auguri.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Alessandra: "Quel rigonfiamento sotto i denti"
[26 01 2015 ]
Alessandra
Salve, ho bisogno di un' informazione. Mio marito ha un rigonfiamento duro (tipo osso) non doloroso, sotto ai denti, i molari.
Secondo lei sarebbe il caso di fare una radiografia? Grazie
Cordiali Saluti. Alessandra.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Alessandra, varie sono le cause di cosiddetto rigonfiamento. Il pi delle volte si tratta di semplici "esostosi" che non hanno alcun significato clinico.
Frequente il "toro palatino" quando interessato il palato.
Tuttavia se prima non era presente, o ha notato l'aumento delle sue dimensioni negli ultimi 15 giorni, invito Suo marito ad effettuare con una certa urgenza una visita da uno specialista. Mi tenga aggiornato.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Anonimo: "Dolore alla cervicale e gola irritata dopo impianto coi provvisori"
[26 01 2015 ]
Anonimo
Salve, vorrei sottoporle il mio problema.
Il mio dentista mi ha fatto dei provvisori da canino a canino per mancanza di due incisivi.
Fin qua credo tutto normale; il problema che dal giorno che ho messo questi provvisori ho iniziato ad avere dolore alla cervicale ed una forte pesantezza alla testa che non va via con nessun antidolorifico o antinfiammatorio. E come se non bastasse ho la gola sempre irritata e difficolt a respirare. Mi sono stati ribasati pi volte ma nulla cambiato, eppure i denti non mi danno fastidio, mastico senza problemi, oramai un mese e non so pi che fare. Potrebbe essere una forma di allergia a quel tipo di resina con cui sono stati fatti i denti?
Ringrazio fin d'ora per la risposta.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile paziente, La Sua condizione probabilmente deriva da un'errata occlusione, anche se riesce a masticare senza problemi. L'ipotesi dell'allergia alla resina, anche se non esclusa, risulta meno probabile.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Giovanni: "Il dente che dondola dopo la devitalizzazione."
[26 01 2015 ]
Giovanni
Salve dottore, pochi mesi fa ho cominciato una serie di cure dal mio dentista: varie estrazioni per ripulire la bocca oltre che devitalizzazioni e ricostruzioni.
Premetto che le ricostruzioni mi si stanno annerendo, ma quello che mi preoccupa l'incisivo centrale superiore devitalizzato che mi stato ricostruito due volte perch era di colore diverso. Adesso ha preso a dondolarmi, anche se poco, e toccandolo con il dito sento un po' di dolore. Dall'intervento ad oggi sono passati 5 mesi: normale tutto questo?
Grazie in anticipo, Giovanni.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Giovanni, bisogna inquadrare il problema radiograficamente, in modo tale da poter effettuare una corretta diagnosi e stabilire la terapia pi opportuna.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Cristina: "Quei fastidi che seguono la devitalizzazione"
[26 01 2015 ]
Cristina
Buona sera dottore.
Le chiedo un consiglio perch sono nel panico pi completo.
Non ho mai dovuto fare particolari operazioni dal dentista, tranne la pulizia. Questo ottobre, costretta a cambiare dentista perch il mio si trasferito, al nuovo controllo, il dentista nuovo mi ha trovato tre otturazioni da fare. Le prime due andate a buon fine, la terza troppo alta, mi stata ritoccata due volte.
Sono cos andata da un secondo dentista perch avevo il dente sensibilissimo, mi ha fatto una lastra e ha ritenuto che era il caso di devitalizzarlo.
Ora, a due giorni dalla prima seduta di devitalizzazione, il dente non mi da nessun fastidio (premolare), ma quello accanto, (altro premolare) non dolorante, ma mi sembra fastidioso, sensibile non al caldo e al freddo, ma solo se lo tocco con la lingua.
Potrebbe essere che avendo tenuto l'otturazione troppo alta per due settimane, abbia sfregato troppo il premolare sull'arcata inferiore?
Quando masticavo sentivo che sfregava su quello sotto...
Ora ho il terrore che invece sia da devitalizzare anche questo!
La ringrazio per l'attenzione,
Cristina

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Cristina, non credo ci siano segnali di cui dover preoccuparsi.
Piuttosto il Suo timore , a mio parere, scaturito dal fatto che come se avesse un po' perso la fiducia nella figura del dentista, visto anche il "cambio" del medico che l'ha seguita. Lasci passare qualche giorno, vedr che il fastidio pian piano scomparir.
Se cos non fosse, non esiti a chiedere un parere al dentista che l'ha in cura.
Cordialmente,
dr Nicola Marotta
Rita: "Provo disagio con la protesi fissa, potr rifarla?"
[26 01 2015 ]
Rita
Gent. Dott. Nicola Marotta, sono preoccupata e le scrivo cercando di spiegare al meglio il mio gran disagio.
Da un mese ho una protesi fissa "arcata inferiore in zirconio" (cos mi ha detto il dentista), che non sopporto. Mi stata messa dopo la devitalizzazione di 7 denti seguita da un provvisorio che mi infastidiva molto meno.
Ovvio che quando me l'ha fissata chiedendo se mi andava bene ho risposto: " credo, mi sembra...." , in pochi secondi come posso dire altro. Poi dopo ore che ormai mi apparteneva ho capito di avere mille avallamenti tipo montagnette dove in continuo sbatte la lingua. Sento pure la gengiva che "tira" (mi scusi se utilizzo termini non appropriati) e tutto ci mi innervosisce assai.
Il mio dentista dice che mi devo abituare. Io invece dico che voglio farmela distruggere (soldi buttati, lo so e patisco ma la mia salute conta di pi).
Lei che mi consiglia dottore?
E' doloroso per me farmela togliere, ma si pu fare ci?
E' vero che il martelletto pu causare guai alla testa?
La ringrazio moltissimo se volesse consigliarmi qualcosa che mi tranquillizzi e che mi permetta di capire come posso risolverla. Cordiali saluti
Rita, 67 anni.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Rita, il Suo problema, a mio avviso, deriva da una non corretta informazione.
Prima di eseguire qualsiasi tipo di intervento diritto del paziente essere informato sulla terapia consigliata dal clinico e sulle possibili alternative, in modo da poter acquisire anche per iscritto il consenso del paziente stesso.
Se Lei ha firmato questo documento, e la protesi non presenta difformit da quanto da Lei approvato, purtroppo non ha diritto ad alcun rimborso.
Sul piano clinico invece si potrebbe agire rimuovendo la protesi in maniera a-traumatica per poi sostituirla con una di altro tipo.
Le porgo i miei migliori auguri,
Cordiali saluti.
dr Nicola Marotta
Giusy: "Gli incisivi sono pi sensibili dei molari?"
[26 01 2015 ]
Giusy
Salve ho una carie sugli incisivi dell'arcata superiore. La procedura la stessa dei molari o il metodo diverso?
E, se maggiore o minore la sensibilit, che si pu avere rispetto ai molari nel curarla. Grazie mille.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Giusy, tutto dipende dall'estensione della carie rispetto al nervo.
Solitamente, i molari sono meno sensibili in quanto lo spessore dello smalto di questi denti maggiore rispetto a quello degli incisivi.
Cordiali saluti.
dr Nicola Marotta
Manuel: "Non vorrei perdere il dente!"
[26 01 2015 ]
Manuel
Salve dottore, ho un problema e non so cosa fare...
L'anno scorso ho iniziato una devitalizzazione.
A giugno ho smesso di fare le sedute dal dentista e sono rimasto col dente aperto.
A settembre sono tornato e mi hanno detto che era da togliere e che quando avrei iniziato ad avere dolori e gonfiori sarei dovuto tornare.
Fino ad ora non ho avuto nessun problema, tranne il fatto che il cibo rimane incastrato nel dente. Volevo chiedere: non si pu fare nulla per sistemare il dente?
Io sinceramente non ci tengo proprio a toglierlo a 15 anni.
Per favore ci tengo ad avere chiarimenti grazie e scusi se alla mia et la sto disturbando.
Manuel

Risponde il dottor Nicola Marotta

Caro Manuel, un vero peccato che tu ti sia cos trascurato. Si potrebbe fare un ritrattamento del dente, seguito da una ricostruzione con perno e capsula. Sempre che la diagnosi fatta dal collega, secondo cui il dente sarebbe da estrarre, si riveli per tua fortuna sbagliata.
In bocca al lupo.
dr Nicola Marotta
"Posso sostituire una protesi mobile con una fissa?"
[07 01 2015 ]
Gabriella
Gentile dottore,
due anni fa mi sono fatta fare quattro impianti nell'arcata inferiore dove non ho pi alcun dente. Su questi impianti (4 sul davanti) ho una protesi rimovibile.
Tutto bene fino a qualche mese fa, quando la protesi ha cominciato a muoversi e a causarmi fastidi sulle gengive a causa dell'usura dei "gommini" o guarnizioni. Purtroppo il mio dentista era in ferie cos mi sono rivolta ad un altro. E qui sono cominciati i guai a causa delle guarnizioni le prime troppo rigide e le seconde troppo morbide. In questo momento non riesco pi a mangiare per il dolore alle gengive che mi provoca la protesi. Vorrei sapere se ogni impianto ha la sua guarnizione ed eventualmente se si pu sostituire la protesi mobile con una fissa.
La ringrazio anticipatamente ed aspetto la sua opinione.
Gabriella

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Gabriella, ovviamente ad ogni sistema implantare segue una specifica tecnica operativa nonch opportuni materiali dedicati. Per cui, sia per ci che concerne la sostituzione delle guarnizioni (o attacchi), sia per valutare l'opportunit di poter sostituire l'attuale protesi mobile con una fissa La invito ad effettuare una visita specialistica.
Cordiali saluti e auguri di buon anno
dr Nicola Marotta
"Una probabile manovra maldestra"
[07 01 2015 ]
Gennaro
Salve dott. Volevo alcuni consigli. Circa 15 gg fa ho tolto dal dentista l'ultimo molare sopra a destra. L per l non ho sentito dolore ma appena sono arrivato a casa mi gocciolava di continuo la narice in corrispondente del dente. Ho fatto 3 giorni di antibiotico. Dolori dalla fronte al collo. Ora il dolore passato ma mi gocciola cmq il naso e ho un alito molto sgradevole. Mi ha detto il dentista che se non si chiude il seno mascellare da solo bisogna fare un'operazione. giusto? Ma il dentista ha sbagliato qualcosa?
Grazie. saluti

Risponde il dottor Nicola Marotta

Caro Gennaro, la perforazione del seno mascellare pu essere anche causa di una manovra maldestra del medico che esegue l'intervento di estrazione ma in alcuni casi le radici di alcuni denti possono avere un intimo contatto con le pareti del seno mascellare, per cui in seguito all'astrazione di questi denti pu verificarsi una "comunicazione oro-antrale", con conseguente perdita di sangue dal naso da subito e per alcuni giorni.
Tale perdita potr essere indifferentemente di sangue rosso vivo o di coaguli bruno nerastri; potr manifestarsi anche con l'evidenziarsi di qualche goccia di sangue a sporcare il cuscino la mattina al risveglio.
Comunque tale sanguinamento sar sempre di modesta entit.
Non soffiare il naso se possibile, nemmeno in caso di raffreddore, ma, posizionandosi sul lavello, occluda una narice e soffiando delicatamente attraverso l'altra, lasci cadere la modesta quantit di sangue e muco presente nella cavit nasale.
Non usi acqua calda per lavare o sciacquare il viso.
Tenga presente che violenti svuotamenti della fossa nasale, o starnuti ripetuti, potrebbero compromettere il risultato dell'intervento; sar quindi utile in caso di raffreddore o rinite allergica, l'uso di un antistaminico, magari combinato con paracetamolo (Zerinol). Le consiglio inoltre aerosol per almeno 7 giorni. Per quanto riguarda la guarigione, il pi delle volte spontanea e senza esiti, si faccia visitare per scongiurare lo sviluppo di una fistola.
Cordialmente
dr Nicola Marotta
Scrive Raffaella: "Se il dente si muove"
[07 01 2015 ]
Raffaella
Buonasera Dottor Marotta,
La prego di aiutarmi con un suo parere obiettivo, sono davvero nel panico!
A luglio di quest'anno mi reco da un dentista (non mio curante che dopo aver fatto dei lavori a me e mio marito sparito dal territorio italiano quindi ci ritroviamo senza garanzie dei lavori fatti) , il quale, dalla panoramica, mi spiega che ho un granuloma al dente 46 che avevo devitalizzato dopo trattamento canalare, ma che per intervenire posso aspettare la comparsa del dolore, e poco intelligentemente mi fido e cos faccio. Una settimana fa mi accorgo, usando il filo interdentale, che il dente accanto al 46 e cio il 45 si muove e vado nel panico e, poich il dentista in ferie, mi reco da un altro dentista che effettua panoramica e mi dice che il granuloma del 46 si esteso al 45 ed ecco perch si muove: Esclude qualsiasi cura e mi dice che vanno estratti per poi procedere a impianti a carico immediato; altre strade secondo lui non ce ne sono, visto che sono irrecuperabili e non rispondono a prova termica. E' da luned che sono nel panico, non so cosa fare, possibile non ci sia davvero nulla da fare? Dalla panoramica si vede sotto ai denti in oggetto una macchia tonda nera. Davvero non si pu procedere a trattamento canalare del 46 e non c'e' possibilit di recuperare il 45 che si muove?
Tra, al massimo, due mesi mi trasferisco all'estero e poich esigo garanzia degli eventuali impianti da un dentista a portata di mano non trovo opportuno comunque fare questi impianti qui in Italia, ma ho anche paura che se non intervengo subito con qualche trattamento la situazione peggiori e possa interessare ulteriori denti. Cosa mi consiglia? La prego di darmi un suo parere e di aiutarmi a capire cosa sta succedendo ai miei denti.
Grazie mille per la sua risposta
Cordialmente
Raffaella

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Raffaella, hai due alternative: la prima prevede l'estrazione dei denti coinvolti ed il successivo impianto, come ti stato gi detto, la seconda alternativa invece si chiama "apicectomia".
Questa ti permetterebbe di conservare i tuoi denti (sempre che questi siano recuperabili), sacrificando solo la parte di radice ormai distrutta.
Resta da valutare il grado di mobilit degli elementi dentari. Auguri!
Cordialmente
dr Nicola Marotta
Scrive Valeria: "Perplessit sull'esito
dell'operato di un dentista"
[26 12 2014 ]
Valeria
Buongiorno dr,
ho letto la sua rubrica on-Line e volevo porle un quesito.
Ho 39 anni ed ho avuto la brillante idea di acquistare un deal su groupon per igiene dentale e una otturazione c/o uno studio odontoiatrico "normale".
Un paio di mesi prima mi ero recata c/o l'ospedale di Gallarate, in ambulatorio per fare una visita odontoiatrica, il suo collega mi ha detto che avevo da fare un'igiene dentale e un'otturazione ma l'appuntamento era per gennaio 2016.
Sicch ho deciso di affidarmi al dentista di Castellanza che ha pubblicato questo pacchetto su groupon.
Durante la visita il dentista mi ha detto che avevo da fare sei otturazioni, tra le quali una doppia! Ha iniziato con quella gi pagata.
Secondo lui, visto che io non l'ho vista e non sapevo di averla, era localizzata dietro all'incisivo sinistro, premetto che non mi faceva male. Mi ha fatto tre anestesie locali.
Oggi dopo oltre 15 giorni il dente ancora sensibile ed inoltre mi fa male quando mordo e pure parecchio. L'ho gi chiamato mi ha detto che normale. A me non pare normale!
Tra 5 giorni dovr fare l'igiene dentale e vedr cosa ne verr fuori!
Secondo lei cosa successo? Aggiungo che non mi ha fatto la radiografia.
Mi faccia sapere.
Grazie mille.
Valeria

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Valeria, come pu ben immaginare mi risulta alquanto difficile potermi esprimere in merito ad una situazione della quale non ho altri dati se non la Sua descrizione, che per quanto accurata non pu sostituire una visita ed un esame radiografico. Posso solo consigliarLe di ascoltare il parere di un terzo professionista (senza raccontargli ci che Le stato detto o fatto precedentemente) ed affidarsi a quello che Le ispira pi fiducia. Auguri
Cordialmente
dr Nicola Marotta
Anonima: "Osso fortemente atrofico e impianti"
[23 12 2014 ]
Anonima
Buongiorno Dottore avrei bisogno di un suo parere perch sono veramente in crisi per la situazione della mia bocca.
Ho 62 anni e da circa 25 sono portatrice di protesi mobile totale nell'arcata superiore mentre in quella inferiore ho una protesi paziale in quanto mi sono rimasti solo gli incisivi, un canino incapsulato e la radice dell'altro canino.
Ho eseguito presso lo studio del mio dentista sia la pantomografia che la Tac dalle quali risulta che sulla mascella l'osso rimasto, anche anteriormente, una lamina di appena 1-2 mm, per cui il dentista esclude qualsiasi possibilit di impianto o di rigenerazione dell'osso.
Inferiormente l'osso sufficiente solo nella parte dove sono presenti ancora i denti. Perci lui mi consiglia di estrarre i denti rimasti e di inserire 2 impianti nella posizione dei canini per costruire una overdenture e superiormente mantenere la protesi mobile totale che ho grande difficolt a mantenere stabile in bocca anche con l'uso di adesivi.
Io sono veramente disperata per questa condanna, considerato che non mi vorrei privare degli ultimi denti rimasti, che curo in tutti i modi possibili, perch mi sembra che la nuova situazione migliorerebbe di poco quella attuale e anzi, in caso di fallimento degli impianti, risulterebbe peggiorata.
Leggo sempre le sue risposte e ho visto le sue interviste e trovo le informazioni e i suoi consigli di notevole competenza e umanit.
So che senza referti diagnostici e visita sia difficile dare risposte ma vorrei sapere almeno se condivide le scelte del mio dentista. La ringrazio anticipatamente per la sua cortese attenzione.

Risponde il dottor Nicola Marotta


Gentile paziente, le sua parole mi onorano oltre i miei meriti e per questo la ringrazio infinitamente.
Non concordo del tutto col suo dentista. 2 mm di spessore d'osso sono sufficienti per inserire attraverso una espansione controllata (split crest) un numero sufficiente di impianti atti a supportare se lo si desidera una protesi tipo Toronto; bisogna vedere per se l'osso adeguatamente rappresentato in altezza e questo non lo so.
Nell'arcata inferiore sempre possibile inserire 4 impianti divergenti secondo la tecnica all in four del prof. Mal per realizzare una protesi fissa. Ahim senza vederla di pi non posso...
Cordialmente
dr Nicola Marotta
Anonimo: Fallimento Implantare
[23 12 2014 ]
Anonimo
Desidero una consulenza in merito ad un mio impianto effettuato nell'aprile 2009,
Purtroppo dopo due anni, durante i quali non ho avuto alcun disturbo, il dente si tolto spontaneamente. Ho chiesto spiegazioni al mio dentista, peraltro un noto studio dentistico di Palermo, che alquanto stupito mi ha risposto che pu succedere.
Inoltre, essendo il dente in garanzia mi ha assicurato che a settembre si pu rifare un nuovo impianto. A questo punto sono piuttosto scettico a farmi rifare l'impianto dallo studio medico... Le chiedo, mi posso fidare? Quali sono state le cause di tale rigetto? E' possibile imputare al medico l'insuccesso dell'impianto?

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile paziente direi che si pu fidare.
Il fatto che le venga re-inserito in garanzia testimonianza della seriet dell'operatore.
Le cause di perdita dell'impianto sono davvero difficili da accertare; possibile che siano imputabili all'operatore cos come possibile che non lo siano.
Una possibile causa data dal fumo; oltre le 7/10 sigarette al giorno gli impianti.... "cadono".
Cordialmente
dr Nicola Marotta
Anonimo - Devitalizzazione non completata
[23 12 2014 ]
Anonimo
Dopo aver fatto degli impianti nella parte superiore e una protesi gi, ho dolore alla masticazione nel molare DX inf. Il dentista decide di devitalizzare il molare attraverso la protesi, eliminando una minuscola particella color gengiva dichiarando essere il nervo. Ho iniziato allora ad avvertire del dolore per cui dovevo togliere il batuffolo di cotone con cui il dentista lo aveva otturato, riscontrando un pessimo odore. Il dentista ha ritenuto che il dolore provenisse dall'ultimo molare che lo affiancava, ritenendolo anche inutile. Dopo qualche giorno, per, il dolore sordo e il fetore sono ancora presenti. Non mi ha prescritto alcuna cura, limitandomi personalmente a fare degli sciacqui. Che fare e che pensare dopo tre settimane di attesa per rifare la otturazione, che il molare ancora aperto ? Grazie

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile paziente, il problema sta nel fatto che la devitalizzazione non stata completata. Ritorni dal Suo dentista per ultimare la terapia. Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Scrive Marzia: " Una sgradevole sensazione"
[23 12 2014 ]
Marzia
A seguito di incidente ho dovuto devitalizzare e poi incapsulare con corone in zirconio: 6 denti, tra i quali i due incisivi superiori.
Dopo un anno dall'incapsulamento, a febbraio di quest'anno, mi si rotto il moncone di uno dei due incisivi. Ho fatto togliere il resto del dente e inserito un impianto; dopo svariati mesi con un dente provvisorio in resina, la scorsa settimana mi stata messa una corona in ceramica.
A parte il fatto che il dente definitivo non ha la stessa forma del provvisorio, che a me andava bene, io sento che una zona del dente, quella posteriore, diventa fredda quando la temperatura esterna scende. E' una sensazione molto sgradevole e, visto che finora il freddo non si fatto sentire, io temo che possa peggiorare con l'avanzare della brutta stagione.
Il mio dentista dice che non gli mai successo, che non sa proprio a cosa sia dovuto e che probabilmente sono troppo sensibile. Che ne pensa? E' meglio che mi rivolga ad un altro dentista?
Cordiali saluti
Marzia

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Marzia, a dir poco improbabile che un impianto dentale, quindi una protesi artificiale, possa essere interessata da "sensibilit". Piuttosto credo che il fastidio provenga da un elemento dentario naturale. Approfondisca con un esame radiografico. Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Anonimo: "Punti di sutura post impianto"
[23 12 2014 ]
Anonimo
Buongiorno. Ho fatto un impianto e mi hanno dato dei punti. La mia paura questa: mi dicono che i punti sono come una ferita e quando cambia il tempo potrei avvertire dolore, davvero cos? Grazie

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile lettore, ci che Le hanno detto non del tutto falso, ma se si affidato a dei professionisti tutto andr certamente per il meglio. Auguri
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Federica: "L'incisivo che si muove"
[23 12 2014 ]
Federica
Gent.mo dottore, Vorrei porle un quesito. Ho 23 anni e dopo circa 6 anni di apparecchio odontoiatrico, ho ottenuto un risultato non del tutto soddisfacente (a dir del mio dentista, a causa dei miei incisivi superiori a forma di trapezio). Adesso, a distanza di un paio d'anni da quando ho tolto l'apparecchio, mi sono resa conto che l'incisivo laterale destro dell'arcata superiore, si muove se lo stimolo. Dalle lastre risultata la radice del dente pi corta rispetto al normale. Vorrei capire se la mobilit del dente sia stata causata dall'apparecchio (il quale va comunque a esercitare forza sui denti, soprattutto nel mio caso, in cui si sono dovuti "tirare gi" i canini superiori), ma soprattutto vorrei capire cosa questa mobilit comporta (perdita del dente?) e quale sarebbe la soluzione al problema. Sono molto preoccupata, considerando il fatto che sono una persona per niente resistente al dolore e facilmente impressionabile. La ringrazio anticipatamente per la gentile risposta. Cordialit, Federica

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentilissima Federica, il problema descritto a carico dell'incisivo laterale un "riassorbimento della radice",che consiste nella riduzione dell'altezza della radice e pu verificarsi ed essere di entit variabile in seguito al trattamento ortodontico; di solito di entit clinicamente non significativa e non interferisce con la salute e la durata dei denti.
Alcune condizioni patologiche, come traumi dentali, malattie di alcune ghiandole, assunzione di farmaci che interferiscono con la vita dell'osso, possono aumentare notevolmente il rischio e l'entit dei riassorbimenti delle radici.
Dopo aver valutato il grado di mobilit, si pu bloccare l'elemento in questione splintandolo o, nella peggiore delle ipotesi, si pu estrarre il dente e sostituirlo immediatamente con un impianto.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Antonella: "Quei sintomi dopo l'intervento"
[23 12 2014 ]
Antonella
Buongiorno, dopo pi di 48 ore da un intervento di inserimento di 4 viti per impianto nell'arcata superiore con osteointegrazione, continua a crescere un gonfiore abnorme dal mento agli occhi con muco e sanguinamento. Sto prendendo antibiotico ogni 12 ore, 3 antiinfiammatori al giorno e, dopo mia telefonata, il mio dentista mi ha consigliato punture di cortisone, di cui una gi fatta 4 ore fa. E' normale? come mai peggioro invece di migliorare? Grazie, distinti saluti. Antonella

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Antonella, in alcuni casi, in cui ad esempio stato fatto un intervento sul mascellare superiore, tipo rialzo del seno mascellare, comparir, da subito dopo l'intervento e per alcuni giorni, perdita di sangue dal naso.
Tale perdita potr essere indifferentemente di sangue rosso vivo o di coaguli bruno nerastri; potr manifestarsi anche con l'evidenziarsi di qualche goccia di sangue a sporcare il cuscino la mattina al risveglio.
Comunque tale sanguinamento sar sempre di modesta entit.
Non soffiare il naso se possibile, nemmeno in caso di raffreddore, ma, posizionandosi sul lavello, occluda una narice e soffiando delicatamente attraverso l'altra, lasci cadere la modesta quantit di sangue e muco presente nella cavit nasale.
Non usi acqua calda per lavare o sciacquare il viso.
Tenga presente che violenti svuotamenti della fossa nasale, o starnuti ripetuti, potrebbero compromettere il risultato dell'intervento; sar quindi utile in caso di raffreddore o rinite allergica, l'uso di un antistaminico, magari combinato con paracetamolo ( Zerinol).
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Domenico. "Quel colluttorio a base di alcool"
[23 12 2014 ]
Domenico
"Salve dottore, ho un fastidio alla gengiva tra due molari superiori da qualche settimana, ma non di continuo. Nello specifico: una decina di giorni fa dopo aver mangiato mi ha fatto male e si gonfiata la gengiva. Ho lavato i denti come sempre e fatto degli sciacqui con Listerine. Sembrava essere scomparso il gonfiore ma il giorno seguente mi si ripresentato lo stesso problema. Mangiandoci sopra mi si ripresentato il gonfiore e il fastidio. Cosa mi consiglia? La ringrazio anticipatamente. Domenico

Risponde il dottor Nicola Marotta
Molto semplicemente due cose: innanzitutto una visita odontoiatrica e, in secondo luogo, Le consiglio di evitare assolutamente collutori a base alcolica come quello che ha citato nel suo quesito.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Maria: "Mal di denti a cosa pu esser dovuto?"
[23 12 2014 ]
Maria
Salve mi chiamo Maria. E' da 2 giorni che ho un forte mal di denti. Ho preso diversi antiinfiammatori ma niente da fare. Cos ho deciso di andare dal medico curante che mi ha dato l'antibiotico e la Tachipirina ora va un po' meglio. Secondo lei che cosa pu essere stato? L e ricordo che il dente ricoperto. La ringrazio.

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Maria, si tratta probabilmente di un processo carioso che interessa la polpa dentaria.
Le consiglio una visita odontoiatrica.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Graziella: "E' resistente la corona in ceramica pura?"
[23 12 2014 ]
Graziella
Salve dott. Marotta. Ho messo una corona su un molare; il dentista ha scelto per me una corona in ceramica pura. Dopo averla messa ho subito avvertito dolore attorno al dente, una sensibilit molto forte al caldo e al freddo e dolore nel masticare. Le volevo fare due domande: ho saputo solo ora che la corona in ceramica pura non molto resistente: si pu mettere a un molare? Il dente vicino ha subito un trauma; la causa pu essere stata la corona che quando stata messa premeva i denti vicini in modo particolare quello che ha subito il trauma? Grazie per la sua disponibilit, se mi pu rispondere mi aiuta, grazie. Graziella

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Graziella, sulla resistenza della ceramica integrale non posso essere d'accordo con ci che ti stato detto in quanto esistono vari tipi di ceramica con differenti gradi di durezza. Per ci che invece riguarda il dolore, ho il sospetto che non sia dovuto al dente vicino a quello incapsulato, bens a quest'ultimo che potrebbe necessitare di una devitalizzazione.
Tienimi aggiornato.
Nicola Marotta
Scrive Anna: "Un suo consiglio sulla rimozione del dente"
[23 12 2014 ]
Anna
Gentile Dottore, a causa di una probabile carie, dovr rimuovere il ponte di 3 elementi presenti sull'arcata superiore sinistra. Si tratta degli ultimi 3 denti, preciso che non ho denti del giudizio e che il ponte a circa 20 anni ed perfettamente fisso. Vorrei un suo consiglio in merito alle tecniche di rimozione al fine di salvaguardare i denti pilastro: il mio terrore consiste proprio nella paura che questi si spezzino. Se si spezzasse l'ultimo non avrei pi denti d'appoggio. Sento parlare di segare il ponte in pi parti oppure (termine usato dal mio dentista) di martelletto. Non mi interessa l'aspetto economico, perch, probabilmente, l'uso del martelletto proteggerebbe il manufatto evitando di sostenere un bel costo: non ho i beni al sole, ma non voglio perdere un altro dente. Attendo una sua gentile risposta Buon lavoro, Anna.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gent.ma Anna,
il martelletto pu essere quanto di pi traumatico possa esserci per gli elementi pilastro. Sicuramente il metodo di rimozione mediante il taglio del manufatto protesico sarebbe da preferire per evitare di fare danni.
Ovviamente si render necessario il suo rifacimento.
Cordialit
Nicola Marotta
Scrive David: Impianti. I laboratori hanno tempi diversi?
[23 12 2014 ]
David
Gentilissimo dottore, vorrei domandarle come possibile che a fronte di 4 preventivi per la sostituzione di un ponte ci sia una forte discordanza sia nei costi con corona in metallo ceramica che oscilla dai 300 ai 500 euro ma soprattutto nei tempi di lavorazione fra chi dice di poter fare il lavoro in 3 giorni quindi senza necessit di provvisorio e chi dice che serve il provvisorio perch ci vuole 3 mesi per fare il lavoro. Lei che non di parte, cosa ne pensa? La devitalizzazione eventuale influisce sui tempi oppure sono i laboratori che hanno tempi diversi?
La ringrazio perch penso sia utile fare chiarezza.
Cordiali saluti. David

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile paziente, la Sua domanda lecita ma la mia risposta purtroppo scontata: la professione odontoiatrica una libera professione ed ogni professionista ha la possibilit di decidere secondo il suo libero pensiero riguardo il tipo di trattamento da eseguire ed i relativi tempi, considerando le esigenze di quel singolo paziente in quel momento.
Cordialit
Nicola Marotta
Scrive Emenegildo: "Quando il dentista dice cose strane"
[23 12 2014 ]
Ermenegildo
La disturbo per chiedere un'informazione.
Il mio dentista mi ha montato in modo provvisorio un ponte a 3 elementi. Su uno di due moncone andavano fatti ancora degli interventi tra una visita e l'altra. Il ponte mi si staccato, per cui sono ritornato allo studio del mio dentista ma, non trovandolo ho pensato bene di chiedere al suo collega di riattaccarmelo, cosa che gentilmente ha fatto sempre on maniera provvisoria. Gli ho comunicato il fatto al mio medico e lui se l' presa dicendo che non avrei dovuto farlo... Discutibile tutto ci visto che lui non c'era. Concordiamo, quindi un nuovo appuntamento.
Mi reco a nuova visita, mi siedo, e dice: "si ma prima di metter mano al dente da curare per toglierlo devo sapere che tipo di cemento ha usato il collega -mancava allo studio il collega-, perch per toglierlo devo farti prendere l'antibiotico, e per darti l'antibiotico ho bisogno di sapere appunto il collante usato". La mia domanda : ma possibile (visto che altre volte che mi ha tolto il ponte non ha usato nessuna accortezza e nessun antibiotico) che per staccare un ponte ci sia bisogno dell'antibiotico e per giunta specifico di questo o di quel collante?
La ringrazio per la Sua disponibilit e precisione.
Ermenegildo da Catanzaro.

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile Ermenegildo, quello che ha descritto sembra frutto pi della fantasia di un commediografo che della mente di un medico. Non c' una sola cosa che abbia un valore scientifico. Non si faccia prendere in giro, sicuramente c' dell'altro alla base di tutto. Cordialit
Valerio: "Cattivo odore..."
[09 11 2014 ]
Valerio
Anni fa, mi hanno messo un ponte in basso a destra. Quando ho tolto uno di questi tre denti del ponte, avverto un brutto odore e mi esce s empre un po' di sangue. E' normale?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Salve, ci che Lei descrive dovuto ad un'infiammazione dei tessuti.
Deve sottoporsi ad una seduta di igiene dal Suo dentista.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Gennaro: "Dovr ricorrere alla devitalizzazione del dente?"
[09 11 2014 ]
Gennaro
Gentile Dottore, innanzi tutto grazie per la disponibilit.
da un paio di mesi che mi capita di sentire male a un dente (premolare) quando mi si ferma del cibo tra questo e il molare vicino.
Il male non passa fintanto che, col filo, tolgo ogni residuo di cibo, anche sotto la gengiva intendo, dove ho notato che il filo scende un po' di pi rispetto agli altri denti, anzi quasi rientra di poco.
Il dente in questione gi otturato sul colletto che d sull'esterno quindi se ci fosse una carie dietro (come sospetto) a occhio non si vede.
Potrebbe essere una carie tra il dente e quello vicino? Se s, il fatto che faccia male solo quando vi si ferma il cibo, potrebbe significare che sono ancora in tempo per salvare il dente da una devitalizzazione? Aggiungo che alla percussione in dente non fa male ma si aspiro fortemente aria fresca d fastidio. Grazie mille!

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile lettore, il dente certamente cariato, probabilmente ha subto una recidiva visto che gi stato curato, pertanto
Le consiglio vivamente una visita dal Suo dentista di fiducia.
Se presa in tempo, la devitalizzazione pu essere evitata.
Cordialmente,
dr Nicola Marotta
Massimo: "Diffido dei dentisti"
[09 11 2014 ]
Massimo
Ho urgente bisogno di cure, ma la paura del dentista, ma soprattutto del dilagante fenomeno dei falsi dentisti, mi turba molto. Esiste un modo per poter affidarsi ad un professionista serio potendo verificare, magari attraverso internet, che sia abilitato all'esercizio della professione?

Risponde il dottor Nicola Marotta

Ecco il link:
http://application.fnomceo.it/Fnomceo/public/ricercaProfessionisti.public; jsessionid=40C625233A613497204A0DE862E50C46
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Scrive Roberto : "Buongiorno Dottore, un suo eloquente parere..."
[09 11 2014 ]
Roberto
Ho rifatto un'otturazione per carie profonda su un molare: dopo l'otturazione (ma anche dopo la prima otturazione 8 anni fa) avevo riferito sensazioni su quel punto, ma poi si era attenuata... Ho avvertito in un punto preciso del dente, sopra la parte otturata, un dolore circostanziato, profondo, su un singolo punto, oggetto di otturazione che, tuttavia, mi impedisce di masticare senza dolore. Sento che il punto critico non diffuso, ma estremamente localizzato...
Tuttavia il dolore cos forte da impedirmi la masticazione e rendermi sensibile alla temperatura. Ho atteso 10 giorni, usato antibiotici, verificato con il dentista le altezze... non si capisce da cosa dipenda... Che mi consiglia?
La ringrazio

Risponde il dottor Nicola Marotta
Salve, sar quanto mai rapido e conciso nella risposta: il dente va devitalizzato.

dr Nicola Marotta
Scrive Stefania: ".. per poco non ingoiavo la capsula!"
[31 10 2014 ]
Stefania
Salve, ho bisogno di consiglio dato che non so pi a chi rivolgermi... Sono in gravidanza...un paio di mesi fa mi stata messa una capsula e il lavoro il mio dentista non me lo ha fatto bene... Ieri mentre mangiavo mi sono trovata la capsula in bocca e per poco non l'ho ingoiata!!! L'ho tolta per la paura e perch non reggeva pi.. . Ora il dente mi fa male e non so come fare... Tra tre giorni devo andare dal dentista.. . ma intanto cosa devo fare? Usare il collutorio?

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Stefania, la decementazione di una capsula un evento possibile, soprattutto se non stata fissata in maniera definitiva. Vada dal Suo dentista e gli esponga in problema riguardo al dolore al dente, che certamente dovuto al fatto che si trova ormai scoperto. Tuttavia valuti la possibilit di devitalizzare il dente se il dolore non dovesse diminuire. L'anestesia locale non incide in alcun modo con la gravidanza. Auguri!
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Anna: "Dolori quando mastico"
[31 10 2014 ]
Anna
Buonasera, ho il seguente problema: da giugno ho un dolore solo in fase di masticazione nella parte sinistra della bocca, nello specifico ho un ponte di tre elementi nell'arcata superione sinistra. I due denti pilastro sono l'ultimo e il terz'ultimo: non ho denti del giudizio. Ho fatto l'ortopanoramica e la TC Cone Beam.: NON RISULTA NESSUN PROBLEMA, anzi hanno detto (mi sono rivolta a pi di un professionista) che il ponte sembra sia stato fatto ieri (ha circa 21/22 anni): perfettamente chiuso. Il dolore adesso presente anche quando non mangio e sento un po' di fastidio quando bevo anche acqua a temperatura ambiente. Cosa pu essere? Grazie per la cortese attenzione. Anna

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gent.ma Anna, se davvero dalla TC non emerso nulla e sono estate escluse anche fratture degli elementi pilastro, allora Le consiglio per prima cosa di fare un'adeguata visita agli altri denti, soprattutto gli antagonisti degli elementi protesizzati, e in secondo luogo di farsi staccare il ponte dal Suo odontoiatra di fiducia perch clinicamente potrebbero emergere elementi non visibili all'esame radiografico.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Dario: "Lavare i denti subito dopo i pasti?"
[31 10 2014 ]
Dario
Gentile Dottore, ho letto che, secondo alcuni studiosi, i denti vanno puliti almeno trenta minuti dopo i pasti per non deteriorare lo smalto. Di diverso avviso il dott. Nicola Esposito, segretario nazionale dell'ANDI, il quale consiglia di pulire i denti subito dopo i pasti (http://www.stetoscopio.net/bocca-e-denti/lavare-i-denti-subito-dopo-i-pasti-non-danneggia-lo-smalto/). Gradirei conoscere il suo parere. La ringrazio e la saluto cordialmente. Dario.

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gent.mo Dario, secondo il mio modesto parere, non importa "quando" piuttosto "come" si lavano i denti. E' di fondamentale importanza lavarli per almeno due-tre minuti nel modo corretto e con strumenti adeguati, cio spazzolino a setole medie e filo interdentale (sempre!). Che lo si faccia subito dopo i pasti o dopo 30 minuti la sostanza non cambia, basta non dimenticarsene!
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Luciano: "Quel disturbo dopo la devitalizzazione"
[31 10 2014 ]
Luciano
Mi chiamo Luciano. Vorrei pole una domanda: perch dopo aver devitalizzato un dente, mi d ancora un leggero disturbo battendo con lo spatolina? La ringrazio per la risposta, cordiali saluti.

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Luciano, dipende da quanto tempo trascorso dalla devitalizzazione.
Normalmente il fastidio svanisce nell'arco di 5 giorni dal termine della terapia.
Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Rosaria: "Quanto costa ricostruire un dente spezzato?"
[31 10 2014 ]
Rosaria
Salve. Ho 44 anni e mi si spaccato un pezzo di dente. Il dentiste mi ha detto che devo devitalizzarlo, ricostruirlo e incapsularlo.
Ma quanto tempo ci vuole per fare il tutto e quanto pu costare?
Grazie. Rosaria

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Rosaria,
la terapia descritta e della quale Lei necessita pu essere completata nell'arco di due/tre sedute. Riguardo il costo pu variare da un minimo di 300 ad un massimo di 700 in base al tipo di dente e quindi al tipo di capsula. Cordialit
Cari saluti
dr Nicola Marotta
Scrive Cristina: "Perch avverto dolore
se il dente stato devitalizzato?"
[31 10 2014 ]
Cristina
Salve dottore, le scrivo per chiederle un parere su un dente con cui combatto da giugno.
La scorsa estate il mio dentista mi ha devitalizzato un molare.
Nonostante l'anestesia ho sentito molto dolore. I Il dente stato strumentato varie volte.
A luglio mi sono accorta di avere un gonfiore nella gengiva.
Non risultando niente n dalla panoramica n dalla tac, si era ipotizzato che fosse un gonfiore sin dalla nascita. Per ieri il dente doveva essere chiuso definitivamente, ma il dentista si accorto che il gonfiore sparito. Essendo dalla parte del dente devitalizzato (arcata inferiore destra), il medico ha deciso di aspettare un'altra settimana e richiuderlo provvisoriamente, osservando se si ripresentasse il gonfiore. Le faccio presente che per sicurezza stata fatta un'altra lastra e controllato con gli strumenti appositi che vengono inseriti nella radice (non so come si chiamino) ma la devitalizzazione risulta effettuata correttamente. Quando con gli strumenti per arriva in fondo, pur essendo un dente devitalizzato, in una zona sento comunque dolore. (Il mio medico ha detto che pu dipendere da un nervo che passa proprio sotto la radice e viene toccato con gli strumenti). Secondo lei da cosa dipende? Dopo chiuso provvisoriamente tra l'altro non ho forte dolore ma come se avessi la gengiva infiammata e avverto all'interno delle pulsazioni. (come quando si incastra del cibo fra due denti e indolenzisce la gengiva). Precedentemente avevo pensato che fosse affondata la pasta provvisoria, ma oggi non pu essere quella la causa visto che la pasta stata rimessa ieri.
La ringrazio anticipatamente e aspetto un suo parere sul sito.

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Cristina,
il problema potrebbe risiedere nel fatto che nello strumentare le radici sia stata creata una falsa strada e quindi una perforazione. Comunque, se ne hai voglia, posso esserti d'aiuto trattando il dente con il laser, se non gi stato fatto, solo cos avresti la certezza di sterilizzare completamente i canali.
Resto a Tua disposizione.
Cari saluti
dr Nicola Marotta
Scrive Alessio: "La protesi mi rende il labbro sporgente"
[31 10 2014 ]
Alessio
Salve dottor Marotta, mi chiamo Alessio e ho 21 anni. Qualche giorno fa ho messo una protesi provvisoria in resina sulla zona incisiva e canina superiore che mi ha creato per un problema estetico che mi mette un po' a disagio: ho le labbra carnose e con questa protesi il labbro superiore pi sporgente. Ci mi rende il labbro pi grande di quanto non lo sia gi. Il mio dentista mi ha detto che la protesi definitiva sar in ceramica e sar pi snella. Vorrei il suo parere: sar diverso con questa definitiva oppure mi creer lo stesso problema?

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Alessio, si fidi del Suo dentista. Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Scrive Ivana: "Gengive che sanguinano"
[31 10 2014 ]
Ivana
Gentile dottor Marotta, ho un problema alle gengive da diversi anni, mi sanguinano con una certa frequenza nonostante sia attenta all'igiene orale facendo, periodicamente, la pulizia ai denti. Ho fatto presente questo problema a pi dentisti. Mi stato detto che si formano delle sacche che hanno provato a svuotare, ma il problema mi si ripresentato. Qualcuno mi ha fatto presente che pu essere causato dal fatto che l'arcata dentale superiore non combacia con quella inferiore. Come posso risolvere il problema? Sono disperata. Ivana

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gent.ma Ivana, assumi qualche farmaco regolarmente? Il sanguinamento gengivale conseguente in primis ad un'igiene orale insufficiente o non corretta, oppure pu essere una conseguenza di una mal occlusione, o ancora, pu derivare da malattie sistemiche o assunzione di farmaci. Tienimi aggiornato. Cordialit
dr Nicola Marotta
Scrive Davide: "Cosa consiglia dopo l'estrazione?"
[27 10 2014 ]
Davide
"Gentile dottor Marotta, le vorrei fare una domanda.
A mio figlio hanno tolto i due denti del giudizio dato che erano sotto gengiva in posizione diagonale i quali spingevano i molari. Dopo un po' di tempo gli esce del pus dalla parte interna del molare. Praticamente abbiamo notato che, entrambi hanno una tasca ed il dentista gli ha consegnato una siringa da pulire con collutorio.
La mia domanda : questa tasca si chiuder o sar necessario da fare sempre la pulizia con la siringa. La saluto e la ringrazio infinitamente per la sua gentile risposta."

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile sig. Davide, la ferita si chiuder certamente, consiglio a suo figlio di tenere molto pulita la zona da residui alimentari e di effettuare dei lavaggi (2/3 volte al giorno) con acqua ossigenata, sempre tramite la siringa (non iniettandola!!).
Sicuramente una buona sutura avrebbe evitato questo piccolo inconveniente.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Il dentista risponde: "...pareri discordanti"
[04 09 2014 ]
Anonimo.
"Buongiorno,
ho fatto i primi di marzo un impianto osseo superiore a destra dove mi hanno messo alcuni giorni fa, oltre al pilastro, una corona provvisoria in previsione in futuro, quando mi vanno i denti davanti, di fare uno scheletrato agganciato a questo perno ed ad altri due impianti che gi ho sopra a sinistra.
Ho subito avvertito su questo dente, mangiando ad esempio il pane, un qualcosa di strano e anche un lieve dolore interno che non ho avvertito negli impianti fatti in precedenza.
Adesso, avendo avuto nuovi problemi nella parte inferiore sono andato a fare un ortopanoramica e a chiedere alcuni preventivi da vari dentisti.
Il primo dove sono andato, vedendo l'ortopanoramica mi ha subito avvertito che l'impianto di cui ho parlato prima non attaccato.
Mi sono allora recato dal dentista che mi ha fatto l'impianto, ma lui mi ha detto che tutto a posto.
Sono andato da un altro dentista (sempre per un preventivo per la parte inferiore) e anche lui, senza che io chiedessi, mi ha avvertito che l'impianto superiore perso.
Mi sono recato da un ultimo dentista e lui mi ha invece detto che l'impianto a posto.
Ora mi domando: a chi devo credere?
Perch tutti questi pareri discordanti?
L'ortopanoramica evidenzia intorno all' impianto in questione un bordo nero che invece non c' negli altri impianti e nel foglio allegato c' scritto: Parodontopatia con riassorbimento dei margini ossei. Minimo riassorbimento osseo a livello dei perni dentari corrispondenti ai denti 14 (impianto in questione) e 23. Plurime avulsioni dentarie.
Io ho gi avuto anni fa un problema con un impianto inferiore che non era attaccato (questo impianto, dopo i mesi di attesa dall' operazione chirurgica, uscito subito in mano al dentista nel momento che mi stava applicando il perno).
Nel caso in cui l'impianto non attaccasse ho diritto a qualche risarcimento?
Un ultima domanda: perch l'ortopanoramica divisa in due parti, una parte superiore quasi sfuocata e una parte inferiore pi nitida? (chiedo questo perch anche qui ho avuto pareri discordanti tra un dentista e l'altro)
Grazie"

Risponde il dottor Nicola Marotta

Salve. Dalla Sua dettagliata descrizione mi sembra di capire che l'impianto in oggetto soffre di una "perimplantite" e quindi molto difficilmente pu essere recuperato. Alla domanda del risarcimento Le posso rispondere secondo quella che una mia filosofia e cio che se la mancata osteointegrazione non imputabile ad una negligenza del paziente, allora l'impianto perso "in garanzia". Ma questo resta un mia personale opinione, dunque non detto che il collega che l'ha seguita la pensi allo stesso modo. Infine, in riferimento all'esame radiologico, mi risulta alquanto difficile, senza vederlo, poterLe chiarire la presunta mancata nitidezza del radigramma.
Rimango a Sua disposizione per altri chiarimenti in merito.
Cordiali saluti
dr Nicola Marotta
Il dentista risponde: "Un dolore inspiegabile"
[04 09 2014 ]
Anonima.
"Salve dott.Marotta, sono una ragazza di 24 e da sempre soffro con problemi ai denti.
Circa venti giorni fa ho fatto due estrazioni di due radici 4.4 4.5 all' inizio tutto bene ma dopo circa 4 giorni ho iniziato ad avere dolori, premetto che il giorno prima dell' operazione ho iniziato l'antibiotico. Dopo quattro giorni ho chiamato il mio dentista perch avevo dolori allucinanti anche se prendevo Antiinfiammatori come oky e aulin il dolore non smetteva. Cos mi ha detto che probabilmente avevo una forte infezione. Premetto che non poteva visitarmi perch era in ferie fuori citt ma eravamo sempre in contatto, per circa una settimana per 3 volte al giorno ho fatto punture sandoz. Ma il dolore persisteva nessun miglioramento anzi peggiorava, tanto che sulla gengiva interna mi uscito un ascesso. Cos insieme alle punture o preso anche un antibiotico a pastiglia..ma un giorno circa sei giorbi fa sono andata a finire in ospedale sia per il dolore che per il fatto che stava iniziando a mancarmi il respiro. Mi hanno fatto una puntura di bentelan e mi hanno dato delle gocce come antidolorifico il tramadolo. Il giorno dopo il mio dentista ha preso appuntamento da un suo collega per aprirmi e togliere quello che aveva messo, cio una rigenerazione ossea. Cos sono andata mi ha riaperto tolto quello che avevo e lasciata cos. Per cinque giorni dovr prendere un antibiotico ma ne sono passati quattro il dolore e migliorato ma qualsiasi cosa faccia il dente inizia a pulsare forte. Se corro, se mi affatico se mi metto in testa gi inizia a pulsare come se da un momento all altro deve esplodere.
Cosa posso fare? Perch tutto questo dolore?
Grazie per l attenzione"

Risponde il dottor Nicola Marotta

Gentile paziente, la Sua descrizione, abbastanza dettagliata, lascia intendere una reazione allergica di tipo ritardato. Probabilmente al materiale utilizzato come riempitivo del difetto osseo, meno probabile risulta invece una reazione allanestetico locale. Le consiglio di richiedere al medico che Lha avuta in cura una descrizione dettagliata del materiale utilizzato in modo tale da approfondire con dei test leventuale intolleranza a questo tipo di sostanza/e. Ci anche a scopo preventivo per eventuali interventi futuri. Frattanto continui pure con la cura farmacologica e non si lasci prendere dal panico. Auguri e mi tenga aggiornato. Cordialit
Il dentista risponde: "Ho scoperto la sua rubrica... mi darebbe un consiglio?"
[19 08 2014 ]
Ci scrive Cosimo.
"Salve, navigando in internet sono venuto a conoscenza della sua rubrica su CavaNotizie.it.
Ho una piccola pallina di gengiva gonfia. Essendo un fifone dei bisturi ho schiacciato la gengiva e ora esce un po' di sangue. Che conseguenze ci sono? Che cosa posso fare prima che vada dal dentista? Qualsiasi suggerimento mi sar gradito, la ringrazio. Cosimo

Risponde il dottor Nicola Marotta
Salve, il problema va sicuramente risolto indagando sulla causa. Potrebbe trattarsi di un ascesso di origine dentaria o parodontale, per cui la sola cosa che Le consiglio sicuramente una visita dallo specialista. Cordialit
Il dentista risponde: "Gengiva che batte normale?"
[22 07 2014 ]
Ci scrive Miriam.
"Caro dottore, domani devono mettermi una corona a un dente per la gengiva mi batte normale? La settimana scorsa mi stata presa un'impronta per il dente.
Non porto un provvisorio, mi stato messo del cemento per tenere fisso quel poco di radice che mi era rimasta! Cos almeno mi hanno detto!
Grazie, Miriam"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Miriam, suppongo che le pulsazioni della gengiva siano dovute alla preparazione (monconizzazione) del dente, se gi effettuata. Non conosco la Sua situazione clinica e nemmeno il progetto protesico del collega che La segue. Direi comunque che se si affidata nelle mani della persona che Le ha ispirato fiducia non dovrebbe avere nulla da temere.
Le auguro una buona giornata
Mi tenga aggiornato..
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Perno moncone"
[22 07 2014 ]
Ci scrive Olga.
"Salve dottore, ho 30 anni e sono mesa un po male, ho un ponte dal 11 al 15 ,11-perno moncone ,12,13,15 monconi e 14 nulla, messo 3 anni fa. Da un mese sentivo delle pulsazioni ma non dolore,si sentiva una pallina sotto la gengiva...dopo aver preso un antibiotico,mi era passato rivolgendomi al dentista (due).uno mi ha detto di tagliare un elemnto e mettere un impianto,e l'altro mi ha detto se sento solo delle pulsazioni ogni tanto, di non fare nulla e di andare avanti cosi. La mia domanda-parere: se non faccio niente? Cosa succede? Grazie. Olga"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Olga, ti consiglierei di seguire la strada indicata dal primo dentista, cio sostituire il dente con un impianto. Purtroppo i denti trattati con perni moncone non danno una grossa affidabilit, quindi vista la Tua giovane et, convivere con questo problema non pu far altro che portarTi ulteriori danni.
Cordialit
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "E' necessario ricorrere all'implantologia a seguito dell'estrazione di un dente?"
[18 07 2014 ]
Ci scrive Francesco.
"Salve, Le chiedo un consiglio visto che il mio dentista mi ha estratto un dente rotto nella parte inferiore della bocca mi consiglia di fare implantologia o di tenere la gengiva vuota?"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Salve,personalmente credo che ai fini della salute generale valga sempre la pena sostituire protesicamente gli elementi mancanti.
Consideri inoltre che non deve trascorrere molto tempo dalla perdita dell'elemento. Cordiali saluti
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Gengivite, da cosa dipende?"
[01 07 2014 ]
Ci scrive il signor Alfonso.
"Ho installato una protesi da circa 4 mesi ed avverto problemi di gengivite lievi quando mastico.
Da premettere che quando passo il filo interdentale tra la capsula e i denti circostanti incontro una lieve resistenza al punto di contatto.
Mi stato dente che la gengivite dipende dalla contrazione della papilla gengivale.
E' possibile tutto questo?
Come si pu risolvere?
Grazie, Alfonso"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Alfonso, chieda al suo dentista di sottoporLa ad una seduta di igiene dentale, e di illustrarLe le tecniche di pulizia pi adeguate al caso suo. La gengivite di cui parla dovuta ad uno stato infiammatorio a seguito della nuova condizione cui sono sottoposti i tessuti.
Per altri consigli sono a sua disposizione.
cordialit
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Pulizia dei denti,
di nuovo dopo appena un mese?"
[09 06 2014 ]
Ci scrive la signora Mininno.
"Salve Dottore, ho fatto una pulizia dei denti un mesetto fa, poi per avere un riscontro su dei lavori consigliati dal mio dentista mi sono recata da un altro.. Mi stato detto di iniziare con una igiene orale... ma possibile che ce ne sia bisogno dopo cosi poco tempo o quest'ultimo un incompetente? O un ladro? Posso fidarmi?"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentilissima signora Mininno, cos come per ogni nostro organo o apparato esistono fattori, genetici o ambientali (stile di vita, fumo, etc.) predisponenti individuali verso certe problematiche, anche il cavo orale pu, a seconda della persona, necessitare di cure pi o meno frequenti.
Nel caso specifico il mio consiglio quello di affidarsi al professionista che Le ispira pi fiducia, lasciando da parte inutili e sterili paragoni.
cordialit
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Processi di guarigione"
[07 06 2014 ]
Scrive Cristiano
"Buongiorno dottore, martedi 03/06 sono stato sottoposto ad un intervento per mettere un impianto al posto dellIncisivo laterale deciduo superiore (che avevo rotto). Lintervento stato lungo ma non doloroso. Mi stato poi avvitato un dente provvisorio, nellattesa che si compia la ricostruzione ossea e quindi linserimento del dente definitivo.
Prima dellintervento avevo iniziato la terapia con antibiotico, e poi il dottore mi ha prescritto un antinfiammatorio.
Nei giorni successivi non ho sentito alcun dolore, ma il gonfiore della guancia (senza evidenti ematomi) a distanza di 5 giorni persiste.
Inoltre da ieri cominciato un leggerissimo sanguinamento da un punto di sutura della gengiva.
Comincio ad essere preoccupato per il gonfiore, cosa mi suggerisce?
Grazie
Saluti
Cristiano"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Il quadro da Lei riferito corrisponde ai normali processi di guarigione.
cordialit
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Amalgama un rischio da evitare"
[07 06 2014 ]
Scrive Stefano
"Buongiorno Dottore,
Le chiedevo un parere perch in rete si trovano spesso tante notizie e si fa tanto terrorismo spesso da gente che non medico. Io ho due piccole amalgame ora: ci sono cibi che meglio non mangiare per evitare chelazioni pericolose con il mercurio?
Altra domanda: due anni fa mi si rotto un dente molare (l'ultimo nell'arcata inferiore a destra) con amalgama, appena mi si rotta l'ho sputata e il giorno dopo sono andato dal dentista che mi ha restaurato il dente con materiale diverso da amalgama. . Il mio dentista usa la diga per la rimorzione, nel mio caso (probabilmente perch non ne era rimasta quando mi si rotto il dente) non l'ha usata.
Sono in pericolo di malattie gravi come sclerosi multipla, sla e quant'altro?. Su internet si fa tantissimo terrorismo e sono molto spaventato. Devo fare un mineralogramma?
Da un anno e mezzo soffro di reflusso gastroesofageo che mi da anche un leggere fastidio irradiato sul mento. C'entra qualcosa con il dente con amalgama che mi caduto?
Grazie
Stefano"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Il Ministero della Salute con decreto del 10/10/2001 ha definito l'amalgama come un rischio da evitare, specie nelle donne in gravidanza, in quanto il mercurio presente nelle otturazioni pu migrare attraverso i tessuti.
Quindi, se il mercurio non utilizzato nemmeno nei termometri e insieme all'amalgama non si pu gettare nella spazzatura perch deve stare in bocca ? Inoltre, da un punto di vista tecnico appartiene ad una categoria di materiali che con i tessuti dentari hanno un'adesione maccanico-fisica e non un legame di tipo chimico, per cui molto pi fraquentemente rispetto ai moderni materiali sono anche soggette ad infiltrazione cariosa.
Tuttavia, rispondendo nello specifico alla sua domanda posso tranquillizzarLa dicendoLe che gli Studi fatti sinora hanno confermato la tossicit di lunghe esposizioni all'elemento mercurio, con effetti su diversi organi ed apparati, ma ad importanti quantitativi. Per cui pu stare sereno visto che in questo caso stiamo parlando di una percentuale trascurabile.
Cordialit
Marotta dr Nicola
Il dentista risponde: "Non ho pi fiducia nei dentisti, ma mi dia un parere"
[09 04 2014 ]
Scrive Laura.
"Salve dottor Marotta, sono una ragazza di 28 anni, a 8 anni mi sono rotta un incisivo scivolando sul terrazzo, sono stata da diversi dentisti con pareri sempre diversi. Cadendo mi era rimasta la radice del dente, mi stato allora applicato un apparecchietto per fare abbassare la radice in maniera che la capsula sarebbe stata ancorata nel miglior modo possibile e a 18 anni mi stata applicata la capsula sulla radice.. Esteticamente il dente stato fatto davvero male ma nel complesso non mi aveva mai dato fastidio. L'anno scorso a settembre ho deciso di cambiare capsula per motivi di estetica appunto, ed anche perch mi era stato detto da alcuni dentisti che ogni tanto bisogna controllare un lavoro del genere soprattutto dopo che erano passati dieci anni. Il dentista dopo avermi messo un perno in fibra all'interno della radice,mi ha ricostruito una nuova capsula in ceramica. Il problema che da circa un mese sento pulsare il nervo sopra il dente e se lo tocco mi da fastidio..non mi fa male ma soltanto fastidio, se tocco sulla gengiva sento che il nervo teso ed come se ci fosse una pallina,temo che ci sia un'infezione e ho paura a tornare dal dentista perch ormai non mi fido pi di nessun dentista, per questo motivo mi rivolgo a lei per un suo parere. Grazie"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentilissima Laura, sar quanto mai pratico e risolutivo: avendo appreso la Sua storia clinica, considerati fattori quali il tempo trascorso dall'incidente, la Sua giovane et, e l'attuale stato dell'elemento dentario in oggetto, il mio consiglio senz'altro l'estrazione del dente seguita dalla contestuale inserzione di un impianto a carico immediato. Ne trover giovamento in termini di estetica e durata. Ormai quello che si poteva fare per salvare l'elemento stato fatto, e vista la riuscita (oltre 20 anni!) del lavoro devo aggiungere anche con buoni risultati.
Mi tenga aggiornato
cordialit
Marotta dr Nicola
Rubrica: Il dentista risponde
"Quando si blocca la mascella"
[12 03 2014 ]
Lettera non firmata.
"Salve, da tre mesi ho un problema, con la mia mascella, infatti, come mi alzo la mattina, la mascella va leggermente laterale e non riesco ad aprirla. Come potrei fare per non avere questo problema?
Il dottore mi ha consigliato di fare delle radiografie e poi se necessario mettermi un apparecchio facciale. Per favore aiutatemi sono disperato."

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile lettore, alla base del suo problema potrebbe esserci una disfunzione a carico dei legamenti, potrei essererLe pi preciso se mi fornisse ulteriori elementi, ad esempio non mi ha detto se questo evento si verificato in seguito ad un trauma, o se soffre di disturbi a carico di altre articolazioni. Ritengo necessaria una visita specialistica gnatologica dall'odontoiatra. Mi tenga aggiornato.
Rubrica: Il dentista risponde
"Vorrei salvare i miei denti"
[07 03 2014 ]
Scrive Pierluigi Volevo chiederle alcune cose. Dopo svariate cure dentarie e devitalizzazioni ad oggi mi ritrovo con dei granulomi in quattro denti pur essendo stata svariate volte da diversi dentisti non hanno risolto il mio problema mi trovo con denti cariati che si spaccano perch non devitalizzati e curati bene dovrei estrarli tutti e fare alcuni impianti per risolvere il problema? Possibile che non si possono salvare in qualche modo?
Ultimamente ho avute anche vertigini dopo svariate cure senza successo ho scoperto che mi si sono spostate delle vertebre alla cervicale questo pu essere dovuto dai molari che mi mancano per masticare ?
Io mastico solo da un lato perch ho un dente spaccato che mi fa saltare se ci mangio sopra ..la mattina ho sempre dolore alla mascella e la notte stringo i denti se cos si pu dire! Insomma sta diventando un problema serio tutte cose possono essere collegate?
Grazie, spero in una risposta

Risponde il dottor Nicola Marotta
Il quadro clinico che Lei riferisce non lascia intendere purtroppo alcuna possibilit da parte mia di poterLe fornire una valida risposta per i Suoi problemi. Certamente Le consiglio vivamente una visita odontoiatrica specialistica dal Suo dentista di fiducia. Ovviamente sono a Sua completa disposizione per fornirLe un mio parere clinico.
Riguardo la cervicale non escludo una correlazione con il deficit masticatorio.
Mi tenga aggiornato.
Rubrica: Il dentista risponde
"Lo sbiancamento tossico?"
[04 03 2014 ]
Scrive Federica. Buongiorno Dottore, volevo chiederle se lo sbiancamento alla poltrona pu creare effetti nocivi al feto. Sono nella sesta settimana di gravidanza. Ringrazio e porgo i miei saluti. Federica.

Risponde il dottor Nicola Marotta
No Signora, lo sbancamento dentale una procedura sicura che non determina alcuna tossicit sistemica. Cordiali saluti.
Rubrica: Il dentista risponde
"Quando si blocca la mascella"
[15 02 2014 ]
Scrive Pierluigi Volevo chiederle alcune cose. Dopo svariate cure dentarie e devitalizzazioni ad oggi mi ritrovo con dei granulomi in quattro denti pur essendo stata svariate volte da diversi dentisti non hanno risolto il mio problema mi trovo con denti cariati che si spaccano perch non devitalizzati e curati bene dovrei estrarli tutti e fare alcuni impianti per risolvere il problema? Possibile che non si possono salvare in qualche modo?
Ultimamente ho avute anche vertigini dopo svariate cure senza successo ho scoperto che mi si sono spostate delle vertebre alla cervicale questo pu essere dovuto dai molari che mi mancano per masticare ?
Io mastico solo da un lato perch ho un dente spaccato che mi fa saltare se ci mangio sopra ..la mattina ho sempre dolore alla mascella e la notte stringo i denti se cos si pu dire! Insomma sta diventando un problema serio tutte cose possono essere collegate?
Grazie, spero in una risposta

Risponde il dottor Nicola Marotta
Il quadro clinico che Lei riferisce non lascia intendere purtroppo alcuna possibilit da parte mia di poterLe fornire una valida risposta per i Suoi problemi. Certamente Le consiglio vivamente una visita odontoiatrica specialistica dal Suo dentista di fiducia. Ovviamente sono a Sua completa disposizione per fornirLe un mio parere clinico.
Riguardo la cervicale non escludo una correlazione con il deficit masticatorio.
Mi tenga aggiornato.
Rubrica: Il dentista risponde
"Schock da puntura"
[10 02 2014 ]
Scrive Giuliano Bogazoni.
"Buonasera Egr Dott. spero di poter farle una domanda tecnica e comprensibile vista la sua gentilezza nel poter rispondere attraverso la mail. Tre anni fa per curare una carie dopo un'oretta dalla somministrazione dell'anestetico (lidocaina ) ebbi uno schock anafilattico con bruciori dal collo alla testa con quasi soffocamento. Tutto risolto grazie ad una puntura di Bentelan. Recentemente vista la grande paura ho fatto tutti i test allergici (Patch,Prick, Sottocutanei ed Intradermo fino a 1,8 ml ) all'anestetico (Mepivacaina) con risultati negativi. La mia domanda ; posso stare tranquillo per l'estrazione (visto la negativit ai test) o potrebbe esserci una differenza tra la puntura che sar praticata in bocca rispetto ai test (negativi) fatti con dei seri rischi? Buona serata.Grazie. Giuliano Bogazoni"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gent.mo Sig.Giuliano, La rassicuro sull'esito di un eventuale prossimo intervento. Inoltre la reazione, probabilmente anafilattoide, che ha subto tre anni fa non era certamente (e fortunatamente!) una reazione da schock anafilattico in quanto si manifestata, come riferito, a distanza di tempo dalla somministrazione del farmaco, per cui trattasi di un effetto "ritardato" e non "immediato" come pu appunto essere lo schock anafilattico. Cordialit
Rubrica: Il dentista risponde
"Gonfiore dopo l'intervento"
[02 03 2014 ]
"Salve dottore,
ho fatto, 2 giorni fa, un' operazione al dente del giudizio per toglierlo perch era spuntato fuori l'asse e si era attaccato alla parete gengivale. Volevo sapere se normale che ho tutta la faccia sinistra molto gonfia in quanto mi sto preoccupando. Prendo gi antibiotici ma sembra che il gonfiore alla faccia e al collo peggiori.
Grazie

Risponde il dottor Nicola Marotta
Risponde il dottor Nicola Marotta
Non si preoccupi, tutto ci parte dei normali processi di guarigione.
Saluti vivissimi
Rubrica: Il dentista risponde
"Disturbi digestivi... Masticazione scorretta?"
[22 02 2014 ]
Scrive Simona.
"Egr. dott. Marotta, ho 30anni e da qualche tempo soffro di disturbi digestivi legati secondo il mio parere ad una masticazione scorretta dovuta ad un difetto di allineamento dei miei denti, che negli ultimi tempi mi sembra essere addirittura peggiorato! E' possibile?
La ringrazio per una Sua cortese risposta.
Simona"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Simona, non si mastica male perch si hanno i denti storti, ma si hanno i denti storti perch si mastica male. Per questo l'armonia della bocca non un fatto puramente estetico!
L'obiettivo della Terapia Ortodontica Funzionale quello di condurre la bocca, gi dall'eruzione dei primi denti, ad una situazione di equilibrio statico e dinamico dei mascellari, ponendo come fine terapeutico e riabilitativo il ripristino della funzione masticatoria alterata espressa nella malposizione dei denti. Ricorda che la funzione pi importante dell'apparato stomatognatico ancora oggi quella di masticare!
Rubrica: Il dentista risponde
"Un parere..."
[15 02 2014 ]
Scrive Giulio.
"Gentile dottore le scrivo da Salerno e vorrei sottoporle un problema; un dentista mio amico qualche anno fa mi ha messo 4 denti con implantologia e devo dire che nel complesso mi trovo molto bene. Da un paio d'anni per un impianto dei 4 a volte mi fa un po' male e in effetti se lo muovo con la mano lo sento leggermente muoversi ; ero a suo tempo tornato dal mio amico ,mi aveva fatto una lastra e mi aveva detto che l'impianto cio il sostegno o il perno (non so il termine tecnico) all'interno dell'osso era perfetto; evidentemente , ha pensato, deve essere successo che un po' di cibo si infiltrato sotto e ha fatto un po' di infezione; ha tentato di togliere il dente dal perno (per poi disinfettare e riapplicarmelo) martellando per un bel po' ,ma niente da fare ,non so che colla abbia usato, non viene via.
Allora mi disse di tenere la bocca molto pulita e di usare spesso un colluttorio e fargli sapere come andava. Il dolore spariva anche per lunghi periodi poi ricompariva (molto lieve,quasi un fastidio) poi aumentava, e poi spariva ancora. Ora l stabile sempre lieve, ma c'. Ho consultato anche un altro dentista il quale mi ha confermato che osso e perno stanno bene, ma dalla lastra ha visto che c'era sotto il dente un po' di materiale da pulire e mi ha detto pure che non sarebbe stato necessario togliere il dente a "martellate", ma andare con un aggeggio apposito al suo di sotto e pulirlo, senza toglierlo.
Poi non ho pi visto nessuno dei due (quello che mi ha fatto l'impianto non vive pi in Italia e l'altro sta in Sardegna).
Volevo un suo parere: fermo restando che l'impianto sia ancora in buone condizioni (rifar una lastra per questo) possibile togliere st dente in qualche modo da questa colla cos forte per pulirlo una volta per tutte?
La ringrazio della sua pazienza e disponibilit a risentirci. Giulio"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Caro Giulio, come Lei pu ben immaginare darLe una risposta senza averLa visitata n clinicamente, n radiograficamente non mi consente di fornirLe una risposta cos completa come Lei meriterebbe. Purtroppo non fa alcun accenno al tipo di intervento e al tipo di impianto, n alla sua posizione in arcata. Tuttavia mi sento di rasicurarLa perch esistono a nostra disposizione strumenti domiciliari (vedi idropulsore, scovolini, etc.) nonch professionali (su tutti il Laser per prevenire le perimplantiti) che Le consentirebbero di evitare la rimozione dell'elemento protesico e risolvere cos il problema una volta per tutte. Ai fini preventivi se, nella peggiore delle ipotesi, il problema fosse di altra natura, non resta altro che tagliare l'elemento per rimuovere la causa del disturbo prima che venga compromesso anche l'impianto sottostante e l'intero lavoro.
Rubrica: Il dentista risponde
"Vorrei rassicurazioni..."
[02 02 2014 ]
Scrive Beatrice.
"Salve, sono Beatrice, una ragazza di 31 anni.
Marted scorso sono andata dal mio dentista perch dovevo fare la pulizia dei denti. Il giorno prima mi rendo conto che l'incisivo superiore dondola un poco. L'indomani lo faccio notare al medico il quale mi dice che ho una gengivite acuta con gengive molto rosse e gonfie (pi delle tasche gengivali). Premetto che ho fatto una pulizia profonda il mese di marzo 2013. Ma in cos poco tempo le gengive sono diventate un disastro.
Ha quindi deciso di non procedere a farmi la pulizia ma mi ha fatto vedere come lavare scrupolosamente i denti a casa per togliere innanzitutto il tartaro dal colletto dei denti. Mi ha detto che le gengive sanguineranno molto ma proprio questo che aiuter la guarigione.
Quindi tutti i giorni, tre volte al giorno, lavaggio denti molto precisa e dopo risciacqui con Tebodont per togliere l'infiammazione. In seguito andr da lui e vedremo se l'infiammazione guarita almeno un po' e poi valuteremo come procedere.
Ora premetto che da marted che faccio questi lavaggi scrupolosi e risciacqui e che i denti sono molto pi bianchi ed il tartaro pian piano sparisce.
Le gengive sanguinano come mi ha detto sia giusto che succeda. Per il dente incisivo davanti ieri dondolava ancora e oggi se schiaccio in su con la lingua dopo un po' si sente un "tac" come se "riscendesse" in gi.
Se lo tocco con le dita e provo a muoverlo da ieri sera non lo sento pi dondolare. (mentre prima se lo toccavo con le dita sentivo un "tac tac tac" come se si muovesse). Il dentista di questo mi aveva detto che era legato all'infiammazione della gengiva e che gi con i lavaggi e risciacqui sarebbe migliorato. Il dente che si muove non mi fa male, a volte sento solo un leggero fastidio alla gengiva del dente (allacciatura del dente) e sento che brucia un po'.
Comunque se lo tocco con le dita oggi non lo sento pi dondolare come i giorni precedenti... sento solo un senso di fastidio/bruciore alla gengiva sopra il dente.
Io mi fido del mio dentista, mi ha rassicurato che anche se la visita la faccio tra pochi giorni al dente non succede niente... l'importante che tengo ben puliti i denti e che faccio ci che mi ha detto....
Io gli ho detto che ho il terrore che il dente dondola pi forte e sotto le feste mi cada. Mi ha assicurato che non cos e che devo fidarmi di ci che mi dice.
Ma poi vedo diverse cose qui in internet di gente che dice che basta poco tempo perch cada, che fare risciacqui peggiora la situazione dei denti, ecc ecc.
Vorrei gentilmente sapere cosa ne pensa e se posso stare serena per poi fare la visita. grazie mille.
Beatrice"

Risponde il dottor Nicola Marotta
Salve, dalla Sua accurata descrizione, anche se mancano alcune informazioni fondamentali (che tipo di occlusione ha? Ha mai seguito o in corso un trattamento ortodontico? ha mai eseguito una radiografia? il dente mai stato ricostruito, devitalizzato? etc.) mi sembra di capire che ad essere interessato un solo dente, fatto questo alquanto singolare ma non raro. Deve sapere che normale che i denti abbiano dei micromovimenti, dovuti alla presenza dei legamenti dentari che "ammortizzano" i carichi masticatori. La nota dolente che da ci che riferisce il fenomeno presente solo a carico dell'incisivo, elemento fondamentale per l'estetica del sorriso. Ci significa che la causa dell'ipermobilit non da attribuire alla gengivite, che invece potrebbe essere solo una conseguenza dovuto ad altre cause da ricercarsi con un'accurata visita specialistica odondoiatrica ed ortodontica.
Per quanto riguarda la cura che sta seguendo il collutorio (sempre che sia quello giusto) pu migliorare la gengivite, ma faccia attenzione ad indagare sulle cause che l'hanno provocata, non da ultimo lo stile di vita che molto importante per la salute dei nostri denti.
Un ultimo consiglio: dopo aver rimosso la causa del suo problema, potrebbe tornare molto utile qualche seduta di Laser-terapy per stabilizzare di nuovo al meglio il Suo incisivo.
Cordialmente.
Rubrica: Il dentista risponde
"Vorrei un parere..."
[30 12 2013 ]
Scrive il signore L.M.: "Salve, pu una forchetta di metallo nell'urtare contro gli incisi durante un pasto graffiare o incrinare i denti? Grazie e cordiali saluti, Mauro."

Risponde il dottor Nicola Marotta
Caro Mauro,la Sua una domanda alquanto singolare, mi sembra di capire dettata pi da un timore soggettivo di aver in qualche modo compromesso l'integrit degli elementi dentari con qualche manovra errata piuttosto che da un reale riscontro di un problema oggettivo. In ogni caso una risposta definitiva pu essere trovata ricorrendo ad un esame obiettivo e radiografico da uno specialista. Mi tenga aggiornato. Saluti
A Natale regalati un sorriso
[07 12 2013 ]
"Voglio un sorriso perfetto" la richiesta che allo Studio Marotta dopo l'arrivo della tessera odontoiatrica viene posta sempre pi frequentemente.
Se poi il trattamento anche delicato, il successo vien da s: il LASER, strumento da oggi a disposizione dello Studio Marotta ha rivoluzionato l'approccio medico-paziente regalando tranquillit e sicurezza di risultati, eliminando l'uso dell'odiata anestesia.
I materiali hanno raggiunto un grado di raffinatezza tale da riprodurre i dettagli pi piccoli, cos la sapiente mano del professionista riesce a rendere reale il desiderio del suo paziente. Addio, per esempio, agli antiestetici bordini di metallo che si intravedevano nella zona del colletto gengivale, e spazio alle ceramiche integrali e alla fibra di vetro! L'estetica filosofia, ricerca costante del sorriso aderente alla personalit del soggetto: il paziente che soffre per un sorriso scuro e poco espressivo, pu passare come d'incanto all'aspetto che sogna, con denti bianchi e con una forma correlata ai suoi tratti somatici. Trattamenti protesici ed ortodontici con moderne tecniche estetiche ci assicurano un risultato brillante, non invasivo e sicuramente soddisfacente a qualsiasi et, senza particolari problemi nelle relazioni sociali e nella dizione.
Le cure odontoiatriche sono uno strumento di benessere e di avanzamento sociale: per questo le rendiamo accessibili a tutti, anche in riferimento all'aspetto economico!
Il sorriso "perfetto" ormai acquisito...basta volerlo!

Ritira GRATUITAMENTE una delle ultime 10 "Tessere del Sorriso" disponibili! La tessera valida per tutto il 2014! Lo studio del Dott. Nicola Marotta in via Rosario Senatore n40 a Cava de' Tirreni. Riceve su appuntamento ai numeri 089/443034 e 392.9568501.
Il Dott. Nicola Marotta e collaboratori augurano a tutti i lettori di CavaNotizie un sereno Natale!

Rubrica: Il dentista risponde
"Vorrei un parere..."
[02 10 2013 ]
Scrive il signore L.M.: "Buongiorno,
Le chiedo un cortese parere. E' da circa due mesi che ho cominciato a caricare sugli impianti eseguiti nei denti 25 e 26 dell'arcata superiore.
Ho atteso circa sei mesi con la vite di guarigione e poi mi stato messo il tutto. Da una decina di giorni mi sento un alito cattivissimo e inizialmente non capivo da dove arrivava il cattivo odore. Ora, credo di capire che il tutto provenga dal naso e credo di avere una sorta di scolo maleodorante (sinusite?).
Allarmato, mi sono recato dal dentista che mi ha fatto l'impianto e, su mia richiesta, ha eseguito una panoramica. Il controllo sull'impianto non avrebbe dato esiti negativi, per, non ho potuto fare a meno di notare che i perni, sconfinavano nel seno mascellare. I seni sembrano essere liberi e non risulterebbero processi infiammatori a livello degli impianti. Il dentista ha riferito che, la membrana forata, si dovrebbe ricostruire, o meglio, verrebbe ricoperta dal "film di muco" presente nel seno ( mi scuso se non uso la terminologia appropriata). Mi stato prescritto Augmentin e deltacortene per una settimana.
LE chiedo: posso stare tranquillo o devo approfondire la cosa? Purtroppo sono molto apprensivo e questa cosa non mi da pace.
Grazie
L. M.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile sig. Manzato, il quadro clinico che Lei descrive pu trovare un reale riscontro solo sottoponendosi ad una visita clinica e radiografica di controllo. Una "diagnosi a distanza" sarebbe solo deleteria e si correrebbe il rischio di creare inutili allarmismi.
Dente del giudizio
[30 09 2013 ]
Dottor Marotta, da due giorni ho un forte dolore alla gengiva bassa sinistra per un dente del giudizio che sta spuntando. Vorrei cortesemente chiederle un consiglio per evitare che si formino infezioni. Per quanto riguarda il dolore, vorrei cercare di resistere, evitando di prendere medicinali. Ci sono metodi naturali per sopportare meglio l'infiammazione della gengiva? Grazie in anticipo, saluti.
Francesca
Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentile Signora Francesca, la disodontiasi del dente del giudizio una condizione piuttosto frequente di algia dentale. Essa dovuta alla mancanza di spazio che incarcera l'ottavo in posizioni anomale causando spesso infiammazione e dolore. Se il processo infiammatorio localizzato alla sola gengiva che ricopre il dente pu essere utile un gel o un colluttorio a base di clorexidina allo 0,2%. Prodotti che pu reperire facilmente in qualsiasi farmacia. Diversamente se il dolore causato da infezione pi profonda dei tessuti parodontali allora sar necessaria una terapia sistemica, antinfiammatorio ed antibiotica. Provi con la prima soluzione e veda un po' come risponde. In ogni caso Le consiglio vivamente una visita per programmare l'estrazione del del dente onde evitare danni al molare adiacente. Cari saluti.
Cordialit,
Nicola Marotta
Sono allergico al Nichel
[13 08 2013 ]
Volevo un consiglio da lei, premetto che sono allergico al Nichel mi sono rivolto a un dentista per 6 capsule all'arcata superiore. Lo stesso mi consigliava oro e palladio, ma dopo circa un anno le gengive sono diventate di colore rosso con fuoriuscita anche di pus. Lo stesso dentista provvedeva alla rimozione delle capsule a sue spese, adesso mi vuole mettere delle capsule di materiale fatto solo di resina. Volevo un parere su questo prodotto, lui dice che un ottimo prodotto, perch costa poco! E deve fare il lavoro a sue spese. Nell'attesa di una vostra risposta porgo distinti saluti Pasquale L.
Pasquale L.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Le sconsiglio nel modo pi assoluto la resina avendo avuto gi fenomeni allergici. La resina infatti costituita da polimeri che hanno sicuramente una maggiore allergenicit. Tra le altre cose, nel tempo queste protesi si imbibiscono di pigmenti colorati da caff, sigaretta, ecc., modificando il colore originario e diventando scarsamente igieniche. Le consiglio invece un manufatto protesico in zirconio-ceramica che, oltre ad essere molto bello esteticamente, presenta anche buoni valori di biocompatibilit. Inoltre una protesi siffatta ha una durata nel tempo molto maggiore di quella in resina. Ovviamente necessario che la preparazione dei pilastri sui quali poggia la protesi sia fatta seguendo i canoni e le regole della protesi fissa.
Sicuramente il costo di questo materiale maggiore e magari potrebbe Lei stesso contribuire in parte alla spesa, ma Le assicuro che non se ne pentir. Cordiali saluti.
Cordialit,
Nicola Marotta
Gengive che sanguinano, perch?
[04 07 2013 ]
Carissimo dottore, da un po' di tempo mi sanguinano le gengive, nonostante io sia giovane ed in buona salute, ho cambiato spazzolino utilizzando uno a setole morbide, ma il problema sembra essere addirittura peggiorato, cosa mi consigliate?
Mena D.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Il sanguinamento delle gengive, in una persona in buon stato di salute, di solito non altro che la conseguenza di un'errata igiene orale. In pratica si tratta di una condizione di accumulo di placca sui denti e gengive che genera infiammazione. Le gengive pi sono infiammate e pi diventano fragili con tendenza al facile sanguinamento. I denti e le gengive devono essere spazzolate almeno una volta al giorno, con un adeguato spazzolino. In tal modo le gengive, rimosso lo stimolo irritativo della placca, si rinforzano e diventano sane e resistenti. Le setole dello spazzolino non devono essere troppo morbide, perch in questo caso, risulta inefficace l'azione di rimozione della placca e di conseguenza il problema non pu che peggiorare, generando un circolo vizioso. Se le vostre gengive sanguinano facilmente e non riuscite a risolvere il problema neppure cambiando spazzolino, vi consigliamo di andare dal vostro dentista di fiducia che potrebbe consigliarvi una o piu' sedute di igiene orale mediante ultrasuoni, in questo modo si riesce a rimuovere tutta la placca ed il tartaro accumulati nel tempo, le vostre gengive vengono cos riportate ad una condizione ottimale, in modo tale che per mantenerle sane, potr essere sufficiente spazzolarle correttamente con uno spazzolino, a setole di durezza media, almeno una volta al giorno.
Cordialit,
Nicola Marotta
Impianti... cos' il flapeless?
[04 07 2013 ]
Egregio dott. Marotta vorrei un chiarimento sulle procedure di inserimento di un impianto, nello specifico che differenza c' tra tecnica tradizionale e flapeless?
Giovanni G.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Lo dice la parola stessa, flapeless, senza lembo. Si inseriscono gli impianti senza scollare la gengiva. Vantaggi: tecnica molto pi veloce, trauma minimo. Svantaggi: non si vede la cresta ossea quindi eventuali discrepanze tra vite e bordo dell'osso. Per i settori anteriori dove l'estetica vuole l'eccellenza forse ancora oggi preferibile la tecnica tradizionale, nei posteriori si valuta da caso a caso.
Cordialit,
Nicola Marotta
Il mio bambino bruxa
[04 07 2013 ]
Ho un bambino di cinque anni e la notte bruxa. Devo preoccuparmi?
Maria
Risponde il dottor Nicola Marotta
Nei bambini il bruxismo relativamente fisiologico. Spesso le cuspidi sono poco accentuate (soprattutto a livello anteriore e canino) e verso i cinque sei anni sono "naturalmente" consumate. Il sistema nervoso centrale non trova una chiusura stabile e comincia cos il movimento bruxante. Se non ci sono accessi frequenti di cefalea il fenomeno innocuo e transitorio.
Cordialit,
Nicola Marotta
Estrarre o no, questo il problema
[04 07 2013 ]
Gentile dottor Marotta, in ortodonzia meglio la terapia estrattiva o quella non estrattiva? Lei quale teoria sposa?
Gaetano C.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Al di l delle teorie, il fattore discriminante per eccellenza la gravit dell'affollamento. Il morso, il tipo di faccia, la durata e l'impegno richiesto sono fattori di cui tener conto. In ultima analisi meglio quattro denti in meno e due arcate che chiudono bene piuttosto che avere tutti i denti ma le arcate che chiudono male.
Cordialit,
Nicola Marotta
Annamaria: "Ho il terrore del dentista..."
[31 05 2013 ]
Gentilissimo dottore, ecco il mio quesito: esiste un modo per convincere una persona (me), adulta (43 anni) che ha terrore del dentista e del pi piccolo dolore, essendo stata da piccola pi volte traumatizzata da pseudo dentisti? Non le elenco i problemi che ho ai denti ma tale il terrore....
La ringrazio per l'attenzione,
Annamaria
Risponde il dottor Nicola Marotta
Cara Annamaria, quella che mi poni la madre di tutte le domande, il quesito per eccellenza! L'odontofobia una paura che accomuna molte persone. Anche per il dentista avere a che fare con un paziente odontofobico non semplice; si tratta, infatti, di persone che, a causa della loro paura ed agitazione, non riescono a collaborare con l'odontoiatra nello svolgere il suo lavoro. In questo modo i tempi di esecuzione di qualsiasi tipo di intervento tenderanno ad allungarsi notevolmente. Oltre a ci, va aggiunto il fatto che a nessun dentista piace vedere i propri pazienti soffrire! Sicuramente il primo passo verso la soluzione del problema parlarne con il proprio dentista.
Chi soffre di odontofobia normalmente portato a rimandare continuamente le cure, aggrappandosi a terapie farmacologiche -antibiotici e antidolorifici- che rimandando la soluzione del problema, producono un grave peggioramento del quadro iniziale con una perdita progressiva della masticazione e la conseguente compromissione estetica. E' quindi necessario fidarsi e affidarsi al proprio dentista per iniziare le cure ed evitare di incorrere in patologie molto pi gravi. Al tempo stesso importante che l'odontofobico affronti un percorso che lo aiuti ad elaborare i conflitti inconsci all'origine del disturbo, dalle psicoterapie psicodinamiche, alle tecniche cognitivo comportamentali, o ancora alla terapia sistemico-relazionale. Un'altra soluzione la sedazione cosciente, o analgesia sedativa; una tecnica che, utilizzando una miscela di ossigeno e protossido di azoto, induce nel paziente un senso di benessere e rilassamento. Dopo pochi minuti dall'inalazione di tale miscela, le paure iniziano a svanire, l'ansia viene annullata, si viene pervasi da un senso di benessere e il paziente tranquillo e pronto a collaborare con il dentista. Durante tutta la durata del trattamento il paziente rimane peraltro cosciente. Questo tipo di sedazione, non portando alla perdita dei riflessi protettivi, permette di rispondere attivamente agli stimoli fisici e verbali nonch di mantenere la perviet delle vie aeree. Vi sono casi, per, in cui l'analgesia sedativa non per consigliabile, ad esempio in quei pazienti che non riescono a respirare volontariamente con il naso, nei primi tre mesi di gravidanza, nei soggetti tossicodipendenti o con infezioni polmonari acute o malattie mentali. Alla base di tutto per, ribadisco che deve instaurarsi sempre un rapporto di estrema fiducia tra paziente e dentista.
Ti abbraccio cordialmente, e in bocca al... dentista!
Cordialit,
Nicola Marotta
Flavio: "Due dentisti... ma un problema ancora irrisolto"
[31 05 2013 ]
Gentile dottor Marotta, le voglio proporre un quesito per me molto dolente.
Un paio di anni fa mi stato devitalizzato un dente, ma purtroppo questa devitalizzazione non andata a buon fine e ho cambiato dentista il quale ha proceduto a fare una nuova devitalizzazione per vedere se vi era ancora qualche problema col nervo o qualche infezione.
Non c'era nulla, in poche parole io ho pagato a 2 dentisti differenti (mi fidavo, forse, di entrambi) una devitalizzazione fatta male e alla fine mi stato detto che con la prima devitalizzazione stato deformato l'apice del molare. Io a circa 3 anni di distanza soffro in un modo terribile per questo molare che fa male e pulsa in continuazione. Tra l'altro trovo sollievo se inserisco tra i 2 molari il filo interdentale e faccio fuoriuscire un po' di sangue (come fosse infiammato), poi alla base della radice vi una specie di nervo che fa un male.
Come posso risolvere la situazione, mi pu aiutare in qualche modo?
Aspetto sue risposte, grazie
Flavio.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Gentilissimo Flavio, dopo una devitalizzazione il dolore pu rientrare nella normalit, ma parliamo dei giorni immediatamente successivi all'intervento, ci dovuto all'espansione dei materiali di otturazione canalare, non certamente normale il quadro clinico che Lei riferisce a distanza di tre anni. Le cause possono essere molteplici, ad esempio un'otturazione "corta" o al contrario eccessivamente lunga, la mancata sigillatura dei canali accessori laterali, o, da quello che mi descrive, anche un problema parodontale (l'esame clinico dar la risposta), o verosimilmente una combinazione di tutti questi fattori. Non tuttavia escluso che il dolore possa in realt provenire da altri elementi dentari. A distanza non posso essere pi preciso nella diagnosi, ma le suggerisco una visita pi approfondita, avvalendosi anche dell'ausilio di indagini radiografiche.
La tranquillizzo sul fatto che, anche se passato molto tempo dal presentarsi del problema, il dente pu essere ancora recuperato eseguendo un'apicectomia (amputazione dell'apice radicolare).
Mi tenga aggiornato.
Cordialit,
Nicola Marotta
Massimo: "Protesi mobile o fissa?"
[30 05 2013 ]
Qual la soluzione migliore per mettere i denti persi? Le protesi fisse, quelle mobili o l'implantologia?
Massimo
Risponde il dottor Nicola Marotta
Il metodo migliore pi naturale per sostituire i denti persi, quello dell'implantologia. La protesi fissa di seconda scelta perch prevede, la preparazione, (limatura) dei denti adiacenti che servono da pilastro. La protesi mobile consigliata quando mancano tutti o quasi tutti i denti.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Andrea: "Qual la causa dei denti sensibili?"
[30 05 2013 ]
Ho una forte sensibilit dei miei denti al freddo ed al caldo. Addirittura l'aria fredda mi scatena il mal di denti. Qual la causa dei denti sensibili?
Andrea.
Risponde il dottor Nicola Marotta
L'eccessiva sensibilit dei denti al caldo ed al freddo pu essere causata dalla presenza di carie pi o meno nascoste, oppure da erosioni dei cosiddetti "colletti dentali". Il "colletto dentale" quella parte del dente vicina alla gengiva, detta anche zona cervicale del dente. Un' erosione dello smalto in questa zona, esponendo la dentina, genera particolare sensibilit. In questi casi si raccomanda sempre una visita dentistica che puntualizzer la diagnosi. La cura sar la rimozione delle carie eventualmente presenti, e la sigillatura delle erosioni dei colletti dentali.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Felice: "Soffro di cefalea, pu dipendere dai denti?"
[30 05 2013 ]
Soffro di cefalea da anni. Qualcuno mi ha suggerito che potrebbe dipendere dai denti, ma non ho avvisato mai disturbi ai denti.
Felice.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Le cefalee ad origine dentale sono principalmente muscolotensive. Insorgono soprattutto di notte o al risveglio. Quando la situazione cronicizza, i tensionamenti fasciali e strutturali indotti possono portare a delle manifestazioni simili alle emicranie e a quelle che comunemente il paziente riferisce come nevralgie del trigemino ma che in realt non sono propriamente tali.Per quanto riguarda il suo caso alcune volte, ahim, la buona chiusura non coincide con le esigenze posturali del corpo e si creano comunque dei tensionamenti che possono indurre un'azione cefalgica.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Marco: "Miniimpianti per la stabilizzazione le dentiere?"
[30 05 2013 ]
Sono affidabili i miniimpianti per la stabilizzazione delle dentiere?
Marco Senatore
Risponde il dottor Nicola Marotta
Soprattutto sulle dentiere inferiori i miglioramenti sono enormi. Per quanto riguarda l'affidabilit a lungo termine minore rispetto agli impianti tradizionali ma anche semplice aggiungerne altri vicino al sito di un eventuale insuccesso implantare ed i costi sono inferiori di un buon 30% rispetto ad un impianto.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Cava de' Tirreni [ 29 05 2013 ]
Gentile Dr. Nicola Marotta, auguri vivissimi e congratulazioni a Lei e al giornale per una rubrica che risulta interessante e concretamente utile. Antonio
Luisa: "Qual il momento migliore per andare dal dentista?"
[29 05 2013 ]
Qual il momento migliore per cominciare un trattamento ortodontico?
Luisa
Risponde il dottor Nicola Marotta
Ogni caso a s. Comunque in fase di dentizione mista si ottimizza il lavoro sia sulle basi ossee sia sui denti. In dentizione permanente si agisce solo sui denti. Agire prima significa in molti casi evitare una terapia estrattiva.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Eliana: "Dentini da latte"
[23 05 2013 ]
Mi chiamo Eliana, sono cavese ma vivo a Salerno. La mia bambina di 7 anni, non ha ancora perso i denti da latte. E' normale? E' consigliabile una visita?
Risponde il dottor Nicola Marotta
Pu essere perfettamente normale, semplicemente un ritardo nella permuta dentale che non comporta nessun problema. In alcuni casi pu essere indicata una radiografia panoramica digitale per verificare la situazione dei denti che devono ancora spuntare, soprattutto se i parenti prossimi hanno delle agenesie (mancanza di denti permanenti). Una prima visita comunque sempre raccomandabile gi intorno ai 5 anni, pertanto se non l'ha ancora effettuata, le consiglierei una visita che consenta anche alla bambina di prendere confidenza con l'ambiente di uno studio odontoiatrico.
Cordialmente,
Nicola Marotta
Francesco: "Come curare l'alitosi?"
[23 05 2013 ]
Gentile dottor Marotta, mi chiamo Francesco, approfitto della Sua rubrica on line per sottoporLe un problema che mi crea non pochi problemi, essendo anche per lavoro a contatto con molte persone. Soffro di cattivo alito cronico che non mi lascia mai. Mastico gomme, ma non mi aiuta molto. Ho fatto tutto il possibile dal dentista, ma ancora niente... Soffro da quasi 4 anni da rinite vasomotoria, potrebbe questa essere la causa? C' qualcosa che posso fare per curare l'alitosi? La ringrazio per la risposta che vorr darmi.
Risponde il dottor Nicola Marotta
Lo spazzolamento della lingua molto importante per ridurre l'alitosi.
Sono disponibili spazzolini appositi. Inoltre, si possono utilizzare collutori specifici.
L'alitosi pu essere provocata da varie cause, tra le quali le tasche parodontali e le carie. Provi a passare il filo interdentale dente per dente e cercando di rendersi conto se il cattivo odore proviene da qualche punto in particolare.
Cordialmente.
Nicola Marotta
Cure dentistiche pi facili
con la "Tessera del Sorrriso"
[18 05 2013 ]
La crisi economica penalizza anche il sorriso dei cavesi. Sempre pi famiglie sono costrette a rinunciare alle cure odontoiatriche per colpa del caro-prezzi. Per far fronte a questo problema il dott. Nicola Marotta, specialista in Odontoiatria e protesi dentale, promuove una soluzione interessante.
Dottor Marotta, di cosa si tratta?
un'iniziativa gi sperimentata nel mio studio a Napoli, di notevole gradimento per le famiglie. Si tratta della "Tessera Odontoiatrica" ed un modo per dimostrare che quella del dentista una spesa accessibile a tutti, grazie a costi contenuti, alta qualit e convenzioni per singoli e famiglie.
Come funziona la Tessera Odontoiatrica?
La tessera consente al possessore di beneficiare di visite periodiche e radiografie di controllo sempre gratuite. Offre inoltre, annualmente, il diritto a una seduta di pulizia orale professionale e soprattutto l'accesso ad un listino con riduzioni del 30% ideato per avvicinarsi alle cure a costi contenuti, anche con pagamenti rateali personalizzati.
Davvero una lodevole iniziativa, ma quali costi comporta per i cittadini?
Assolutamente nessun costo! La tessera un diritto di ogni cittadino, completamente gratuita visto che rientra in un programma educativo e non in un'offerta commerciale, e mira ad entrare in tutte le famiglie, cavesi e non, portando numerosi vantaggi a chi ne diventa titolare.
Particolare attenzione anche al mondo della disabilit
Stiamo offrendo un servizio di pronto soccorso odontoiatrico e consulenza a domicilio a persone con difficolt di spostamento, grazie anche alla preziosa collaborazione di associazioni di volontariato come Mani Amiche.
Cambia quindi il concetto di prevenzione che passa soprattutto nelle mani dello specialista, non cos?
Giustissimo! Sappiamo tutti quanto sia importante in campo medico la prevenzione, specie quando si tratta della salute del nostro biglietto da visita per eccellenza, il nostro sorriso! Il migliore strumento preventivo non sono spazzolino e filo interdentale, che talvolta non vengono utilizzati nel modo corretto, ma controlli periodici e pulizia dei denti in studio. L'iniziativa mira a sensibilizzare ogni cavese sull'importanza della salute, intesa sia come cura dei propri denti e della propria bocca, ma soprattutto dell'organismo nel suo complesso, ricordando che il cavo orale rappresenta la porta d'ingresso alle pi varie e diffuse patologie. Bisogna essere svelti a capire che solo anticipando i problemi si possono evitare spese impreviste.
***
possibile ritirare la propria Tessera Odontoiatrica
presso lo Studio medico-dentistico Dottor Nicola Marotta
di via Rosario Senatore n. 40,
a Cava de' Tirreni (SA)
(previo appuntamento)
ai numeri di telefono 089.44.30.34 e cell. 392.95.68.501.
Progetto "Sorriso Sano"
Intervista al dottor Nicola Marotta
[18 05 2013 ]
Il dottor Nicola Marotta, medico odontoiatra, presenta il Progetto "Sorriso Sano"; l'educazione all'igiene dentale entra nelle scuole.

     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima