Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Ciro Gallo
Ciro Gallo tenta un nuovo Record Mondiale dei Primati
Ciro Gallo conquista a pieno titolo
a Cava de' Tirreni il 6 Guinnes (TM) dei Primati


Disteso su un letto di chiodi gli sono stati rotti 50 blocchi di cemento sul petto e sulle tibia con mazzole da 6 kg

Gerardo Ardito
E' stato eletto "Artista marziale dell'anno", proprio in questi giorni, dalla prestigiosa rivista "Samurai" Ciro Gallo detentore gia' di 5 record entrati nel Guinnes dei primati ed un 6 conquistato sabato 12 luglio in piazza Abbro davanti Palazzo di Citta' sotto l'occhiio vigile di una commissione Guinness giunta da Roma, fotografi, telecamere e centinaia di curiosi arrivati da tutta la provincia di Salerno.
Il nuovo record dei Primati e' stato stabilito nell'ambito dell'ottava edizione di "Fitness Dance Mania" organizzata dal maestro Gerardo Baldi e dall' Associazione Sportiva Beautyform Energy sita in via Balzico a Cava e realizzata con il patrocinio del Comune di Cava, della Provincia di Salerno e di CavaNotizie.it
Il programma prevedeva che su petto e tibie del maestro gli venissero rotti, con una mazzola da 6 kg, cento blocchi in cemento. Ma i blocchi di cemento costituiti da cordoli ad alta resistenza, antiurto, utilizzati nell'arredo urbano per bordo marciapiedi, hanno avuto la meglio in alcuni colpi sferrati sul petto del maestro. Questo gli ha procurato l'inclinazione di due costole, un' infezione al petto lacerato dai colpi, causata dal cemento e lesioni alla tibia sinistra. Ciro Gallo ha dato lo stop al 50 blocco di cemento, quando, disteso sul letto di chiodi ha sentito che stava per perdere i sensi. Una scelta saggia che non gli ha causato comunque di perdere il titolo di detentore del nuovo record appena stabilito, mai tentato prima neanche dallo stesso Ciro Gallo.
CavaNotizie.it ha incontrato Ciro Gallo 10 giorni dopo l'impresa.
"Ho duvuto sospendere ogni allenamento dopo quella sera -ci racconta il maestro- e ogni altra attivita' sportiva. Per una settimana sono stato immobilizzato da una fasciatura al petto e per tre notti ho dormito seduto con le braccia appoggiate a tavola guardando film di Toto'. Avevo subi'to 160 martellate. Questo e' un nuovo record, nessuno mai al mondo ha provato a farsi spaccare sulle e tibia e sul petto contemporaneamente blocchi di cemento come ho fatto io. Ma quando, il giorno dopo, la mia squadra ha provato a far distruggere con una pressa i restanti blocchi, e' stata riscontrata l'alta resistenza dei manufatti. La macchina con la sua pressione non riusciva a distruggere i blocchi.. Ero un po' scoraggiato e non mi rendevo conto neanche io della grande impresa che avevo realizzato anche con solo 50 blocchi di cemento".
Si e' pentito per i danni subiti di aver tentato l'impresa?
"No, nessun rimpianto, tutt'altro".
Tra tutti i Guinnes da lei conquistati quali nell'esecuzione dell'impresa le ha procurato maggiore sofferenza fisica?
"Questo realizzato a Cava, in questo senso, e' stato il peggiore, ho sofferto 22 minuti contati".

La storia di questo singolare personaggio nasce quando da ragazzo lavorava come parcheggiatore a Positano. Nel far parcheggiare due camion, la sua mano resta schiacciata dagli spigoli dei due automezzi, ma ne rimane miracolosamente illesa, mentre sui due camion resta fissato il calco della sua mano. A Positano diventa leggenda, erano gli anni ''70.
Ciro Gallo nasce a Torre Annunziata, ma 30 giorni dopo perde il padre colpito da un tumore. E' il piu' giovane di 10 fratelli e sorelle. Accolto da un parente passa la sua giovinezza a Positano dove ancora oggi risiede. La citta' che sente sua a tutti gli effetti.

L'intervista:
Lei e' "Master Arajan" cosa significa?

"E' un titolo riconosciutomi dal governo Thailandese, significa letteralmente Capo Maestro".
Quando ha lasciato Positano per avventurarsi per il mondo?
"A 15 anni sono partito per l'Inghilterra".
Quale molla l' ha spinta a partire?
"Non intendevo passare la mia vita con una prospettiva di cameriere d'estate e muratore d'inverno e arrivare a 50 anni senza aver realizzato nulla".
Cosa ha incontrato in Inghilterra?
"Mille difficolta', non conoscevo la lingua, non conoscevo nessuno. Dopo un po' sono partito per la Legione Straniera dove ho prestato servizio per 6 anni nei Commando, poi la mia vita e' continuato nello Sport".
Ama l'avventura, e' dentro di lei, dove trova la forza per tentare le sue imprese?
"La forza e' in tutti noi, chi pratica Yoga lo sa, si chiama "ki" (leggi "ci"). Il segreto e' imparare a farlo crescere. Quando tento un nuovo record, la parte del corpo sottoposta a stress subisce dalla mente come una sorta di anestesia locale".
Poche settimane fa ha realizzato un nuovo record a Miami...
"Ho solo mantenuto il mio record precedentemente stabilito "combattimento in gabbia libero". Ho battuto il mio avversario in soli due minuti".
Quando e' stato soldato si e' trovato molte volte in combattimenti corpo a corpo... Ha avuto la morte ad un passo da lei. Ha paura della morte?
"Non ho paura della morte. Ho imparato a controllare le mie emozioni, ma sono consapevole che dovro' morire prima o poi".
Si', ma se lei si trova in circostanze di grosso rischio?
"Allora fai di tutto per non rimetterci la pelle, usi prudenza, non sono un kamikaze".
Cosa ha sacrificato della sua vita?
"I figli". (Non rivela se ne ha o semplicemente desiderava averne). "Se oggi incontrassi la compagna della mia vita lascerei tutto alle mie spalle".
Se oggi le chiedo qual e' la sua professione?
"Sono un istruttore di arti marziali".
Con l'hobby del Body Guard?
" (Sorride) E faccio formazione a guardie del corpo".
Come ha conosciuto Gerardo Baldi?
"Tramite la federazione. Abbiamo un amico in comune che e' Giovanni Gravante, che possiede lo stesso mio grado ed ha un'accademia nazionale a S. Maria Capua Vetere".
Lascerebbe tutto questo alle sue spalle se incontrasse una compagna diceva...
"Sarebbe per me una nuova avventura, prendere una vita normale. Per chi ha praticato sempre estremismo e' la normalita' la vera avventura, non sarebbe facile per me".
Se un suo figlio seguisse le sue orme, sarebbe contento?
"Che praticasse sport assolutemente si', non come legionario, no come soldato. Ho lavorato duramente io, non c'e' ragione che un figlio debba essere a rischio".
Qual e' la sua donna ideale?
"Indipendente e forte di carattere".
Che la prenda anche a schiaffi?
" (Sorride) Lasciamo perdere... Che sia innanzitutto mia amica e di cui possa fidarmi. E che non faccia domande ogni cinque minuti. ".
Come i giornalisti?
"Esattamente. Anche se ho frequentato una giornalista in Inghilterra, ma lei non faceva mai domande".
Ha amici veri?
"Ne ho quattro, due civili, due militari. Un buon bilancio".
Ha mai avuto paura della sua forza?
"No. Se prendo un bebe' in braccio o una donna sono delicatissimo".
Ha mai fatto uso di anabolizzanti?
"Mai! Chi ne fa uso e' libero di fare le proprie scelte, ma non li chiamo campioni. Si deve sputare veramente il sangue per diventare qualcuno".
Che consiglio ti senti di dare ai giovani che si avvicinano allo sport?
"Qualsiasi sport, ma fatto con passione! Purche' stai lontano dalla strada, da chi fuma e conduce uno stile di vita malsana, anche la danza va bene".
Come affronta il sesso chi fa sport in maniera continuativa?
"Prima dell'incontro di Miami mi sono fermato due mesi. Io comando il mio corpo, riesco a controllarmi".
Se una donna le fa delle avances, il giorno prima di un incontro?
"Le dico torna dopo l'incontro! Ma ora lasciami in pace! ".
Il suo rapporto con il cibo?
"Mangio di tutto, non seguo diete, neanche prima degli incontri. Consumo il triplo delle calorie che assumo".
Ora e' titolare di ben 6 titoli mondiali. Quale Guinnes pensa non potra' mai conquistare?
"Guidare un areoplano. (Scherza). Non lo so. Ho raggiunto gli obiettivi che mi sono prefissato fino ad oggi".
Che significato hanno i tuoi tatuaggi?
"Ogni tatuaggio ha un suo significato. Quando trovi una persona dall'altro capo del mondo che ha servito quella unita', ha il tuo stesso tatuaggio, fai subito amicizia e scopri di avere con lui un legame. Il tatuaggio e' un simbolo di riconoscimento".

A breve, ci informa Ciro Gallo si trasferira' a Salerno dove iniziera' a tenere corsi, aperti a tutte le eta', di Muay Thai e Valetudo.
In tutta la provincia di Salerno e' l'unico a possedere l'alto grado "Master Arajan 14 Khan"
Ciro Gallo tenta un nuovo Record Mondiale dei Primati






























     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima