Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Tommaso D'Amico
Tratto da CavaNotizie.it n. 42
del 21 Novembre 2009
Un ricordo di Tommaso D'Amico, morto l'8 ottobre scorso

Tommy, una vita dalla parte dei deboli

Flavia Bevilacqua
Sempre pronto a sostenere la giusta causa, a difendere i propri ideali, a schierarsi dalla parte dei più deboli.
Tommaso D'Amico, deceduto l'8 ottobre scorso a soli 58 anni, ha vissuto restando fedele al suo costante impegno politico e sociale, chiedendo poco o quasi nulla per sé ed i suoi familiari. Un paladino di altri tempi, forse, ma senz'altro un validissimo collaboratore ed un insostituibile amico, al quale si ricorreva sicuri di essere accolti , aiutati e confortati nei momenti più difficili. Sposato da circa trent'anni, con la dottoressa Silvana Di Napoli, Tommy, come ancora oggi viene affettuosamente chiamato in famiglia, non può essere ricordato con un generico e stereotipato "marito e padre esemplare", perché in realtà era molto di più, era un attento compagno di vita per sua moglie ed un amico per i suoi figli Giulio e Federica, con i quali sapeva essere amorevole e severo, confidente e guida nel loro percorso di crescita.
L'incurabile malattia che ha stroncato la sua vita nel giro di pochi mesi ha reciso anche il sogno di Tommy, un sogno che accarezzava da tempo con la fantasia, ma che solo dopo il suo pensionamento dalla locale manifattura di tabacchi, avvenuto nel dicembre del 2008, aveva iniziato a concretizzare con passione ed energia, com'era nel suo stile per tutto ciò che amava e credeva. Tommaso sognava di ritirarsi nella campagna cilentana, di occuparsi del suo orto e del suo frutteto che, solo poco tempo prima della sua scomparsa, era riuscito a realizzare con sudore e gioia; sognava di trascorrere il resto della sua vita in quel piccolo angolo del Cilento con la sua famiglia, alla quale voleva donare la serenità e la sicurezza atavica della natura. Negli ultimi giorni della sua vita , nonostante fosse tormentato da indicibili dolori, ha avuto la forza di lasciare un'ultima testimonianza della sua coerenza e del suo amore, quando rivolgendosi alla moglie ha detto: "Sono contento della mia esistenza, ho vissuto tutto ciò che volevo e di questo devo ringraziare anche te, che con pazienza e dolcezza mi hai sempre aiutato e sostenuto" .

Compagni del partito (era un militante del Pci e poi del Pd), di sindacato, di lotte, di giochi, amici d'infanzia, colleghi di lavoro, conoscenze lontane accorse anche da altri paesi, affollavano il suo funerale. Attraverso loro, sembrava di rivivere l'intera esistenza di Tommaso D'Amico e per un attimo qualcuno ha avuto la sensazione di seguire un feretro vuoto, perché Tommy era ancora lì fra noi, con il suo sorriso tra lo scanzonato ed il timido pronto a sostenerci nelle difficoltà e lottare per una vera giustizia sociale.

     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima