Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Elena Baldi
Tratto da CavaNotizie.it n.31
8 Ottobre 2008
Hip hop, arte moda o sport?
A scuola di hip hop con Elena Baldi


Gerardo Ardito
Ci capita sempre pio' spesso di sentir parlare di hip hop e ci si chiede se se e' una danza mixata con l'hula hop o chissa' quale altra ginnastica di cui non siamo ben informati.
Ne parliamo con Elena Baldi, cavese, 20 anni compiuti a maggio.

Chi e' Elena Baldi
Laureanda al Davimus (Dipartimento di arti visive musica e spettacolo), ha maturato formazione artistica dal 2002 studiando recitazione al laboratorio "Arte Tempra" di Clara Santa Croce e Renata Fusco prendendo parte a numerosi spettacoli e recital.
Elena Baldi ha studiato ginnastica ritmica dal 1994 al 2000 con la Ginnic Sport di Cava, ha studiato danza classica, e dal 2001 al 2005 hip hop con Marco Schiavi e Ida Bruno. Elena Baldi si e' poi diplomata all' MC Hip Hop School come ballerina, insegnante e coreografa e studia house, videodance e videoclub all'Urban Dance Hdemy a Reggio Emilia;
Attualmente e' direttrice artistica della scuola di danza body & soul dance con sede a Buccino (sa), ma insegna hip hop anche a Cava presso la scuola di danza "Artedanza" al corso Umberto I, 293.

Elena, ci puoi svelare cos'e' l'hip hop e come nasce? Arte moda o arte?
"L'hip-hop nasce sul finire degli anni '60 nel Bronx di New York. Si basa su quattro discipline: il rap, l' arte della manipolazione dei giradischi (dj), quella della danza e l'Aereosol art. Io mi occupo dell'hip-hop dal punto di vista della danza. L'hip-hop non e' moda, e' una cultura, con una sua storia e con la sua arte".
Cosa insegni esattamente?
"Mi occupo di formare dei ballerini in grado di esprimere correttamente i movimenti di questa danza, che non smette mai di evolversi e questo perché nasce per strada e probabilmente in questo momento in qualche punto della terra, qualcuno stara' ballando e creando nuove movenze".
A chi si rivolgono i tuoi corsi? Chi sono i tuoi allievi?
"I miei corsi sono rivolti ai bambini/e dai 5 anni in su e a ragazzi/e che desiderano vivere al meglio la contemporaneita' attraverso questa danza".
Che qualita' bisogna avere per dedicarsi all'hip hop e da che cosa si e' motivati?
"Nessun tipo di qualita', deve semplicemente piacerti".
Come ti sei avvicinata a questa disciplina?
"Avevo appena abbandonato la ginnastica ritmica e volevo cambiare, venni a sapere che nella palestra di un amico di famiglia c'erano dei corsi di hip-hop, ma non sapevo neanche cosa fosse. Presa dalla curiosita' feci una lezione insieme a mia cugina (Massimiliana Salsano, ora mia collaboratrice) e fu una cosa a pelle, subito ci piacque e cosi' dopo 8 anni ho un gruppo mio i "Body & Soul".
Parliamo ancora di te, sei giovanissima, ma hai maturato gia' numerose esperienze, cosa ti realizza di pio' il ballo o la recitazione?
"Bella domanda... il mio sogno e' fare l' attrice, l'hip-hop e' la mia passione. Ora non so questo cosa significa".
Torniamo alla tua vita artistica. Sei la protagonista femminile del film "Io non ci casco" di Pasquale Falcone film, pare di capire ancora in cerca di una distribuzione vincente. Come hai vissuto questa esperienza?
"In realta' la distribuzione c'e' e anche la data di uscita del film, ora non so se posso dichiararla. Comunque ne parlera' sicuramente Pasquale Falcone pio' dettagliatamente. e' inutile dire che e' stata un esperienza unica e piena di emozioni bellissime che pero' io ho vissuto e vivo tuttora anche con molta ansia. Ho un po' una visione macchiavellica, se cosi' posso dire:credo che una parte delle nostra azioni siano guidate dalla fortuna, ma l'altra parte e' affidata a noi. Grazie a Pasquale ho avuto questa grandissima possibilita' e ho paura di non averla sfruttata al meglio. Quando tieni tanto a qualcosa non riesci a vivertela a 360° , come si dovrebbe fare, per paura di rimanerne delusa".
Che impressioni e cosa ti ha trasmesso lavorare accanto a Maria Grazia Cucinotta?
"Ti dico soltanto che la prima scena che ho dovuto girare e' stata proprio con Maria Grazia Cucinotta e non ti dico: gia' ero timorosa, poi mentre giravamo pensavo: 'Ma sto recitando con lei? Non e' possibile'. Infatti abbiamo dovuto ripeterla un po' di volte per colpa mia".







In alto a sinistra: Massimiliana Salsano, Elena Baldi, Mariangela Lepore e Mariana Sammartino
     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima