Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Dominga D'Andrea
Tratto da CavaNotizie.it n.32 del 15 Novembre 2008
Cava [ 18 11 2008 ]
Dominga, la speranza del karate cavese


Il suo nome e' Dominga D'Andrea. Ha solo 17 anni, frequenta il II liceo classico a Cava, e lo scorso 12 ottobre 2008 ha conquistato la medaglia di bronzo alle finali dei campionati italiani di squadre giovanili di Kata (una specialita' sportiva del Karate) della Federazione Italiana Judo Lotta Karate ed Arti Marziali svolti presso il Centro Olimpico di Ostia. Una passione quella per il Kata che Dominga ha iniziato a conoscere per gioco, all'eta' di cinque anni, per poi farla diventare parte integrante della propria vita.
Dominga insieme alle compagne di squadra Sara Antonacchio di Bellizzi e Alessandra Petragallo di Matera, dopo un intenso periodo di raduni ,considerando le difficolta' logistiche e non solo, attraverso impegno e determinazione sono riuscite a conquistare un terzo posto degno di grande rispetto, in un panorama nazionale molto competitivo, infatti l'Italia sullo scenario mondiale e' tra le prime nazioni al mondo, per cui emergere in una nazione forte significa essere "forte tra i forti" .
Il sorteggio non e' stato benevolo con le ragazze del Moscati Gragnano infatti alle eliminatorie hanno incontrato la squadra campione italiana uscente che si e' riconfermata, il Master Rodano, quindi dopo essere state ripescate hanno vinto la finale per il terzo posto contro il Karate Shibumi, forte compagine genovese, con un sonoro 9-1, esprimendo un bunkai (applicazione reale delle tecniche eseguite in forma immaginaria) tra i migliori del campionato femminile.
La competizione del kata a squadra manifesta la sua complessita' attraverso due aspetti, il perfetto sincronismo delle tre atlete e una realistica applicazione delle tecniche (bunkai).


CavaNotizie.it ha incontrato Dominga nel magnifico centro Fitness Body Planet, dove si allena abitualmente con il papa' Alfonso.
Dominga ha interrotto gli allenamenti per una chiacchierata con noi.
Dominga, descrivi i tuoi rituali prima di una gara?
"Non sono una persona superstiziosa, quindi non ho nessun rituale particolare. L'unica cosa che faccio sempre prima di una gara e' quella di farmi stringere la cintura da mio padre, poi lui mi guarda negli occhi e senza bisogno di parole, mi fa capire quello che devo fare".
Gli hobby che sei solita praticare oltre il karate?
"Oltre al Karate, i miei hobby sono il cinema, la lettura, e lo shopping".
Quali sono i rimproveri piu' frequenti che papa' Alfonso ti rivolge? E gli elogi?
"I rimproveri piu' frequenti di mio padre sono quelli di fare le cose troppo in fretta e di non cambiare subito quando mi dice qualcosa. Per quanto riguarda gli elogi non spetta a me dirlo". Com'e' Dominga nella vita privata?
"Nella vita privata mi considero una persona molto semplice. Sono timida, introversa e molto testarda. Spesso per il mio carattere posso risultare poco simpatica, ma poi chi mi conosce cambia subito opinione. O almeno spero! ".
Quali sacrifici devi affrontare quotidianamente per poter condurre una vita da atleta?
"Lo sport e la scuola che ho scelto (ndr il liceo classico) mi obbligano a fare alcuni sacrifici. Ad esempio quando torno da scuola devo mettermi subito a studiare per guadagnare tempo prezioso per allenarmi. Spesso poi la mia attivita' toglie del tempo alla famiglia ed agli amici. Tuttavia, non cambierei mai la vita che ho scelto, e la cosa piu' sconvolgente e' che non devo mai domandarmi cosa faro' domani, ogni giorno infatti e' gia' pieno di impegni".

     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima