Informazione  
 
Il numero in edicola
Archivio cartaceo
Editoriali
 
 
Archivio cronaca
Comunicati comunali
Il sindaco risponde
Lettere al giornale
 
  Sport  
 
Cavese Calcio
Arti marziali
Atletica e C.S.I
Altri sport
 
  Ritratti  
 
La Giunta Comunale
I Consiglieri comunali
Personaggi cavesi
Foto di Cava
Scorci metelliani
 
  Consulenti  
 
Avvocato
Commercialista
Immobiliare
Lavoro
Dentista
Nutrizionista
Sessuologo
 
  Medicina  
 
Distretto sanitario SA1
Articoli
Centro di salute mentale
Consultorio
Sert
Diabetologia
Il medico risponde
 
  Istituzioni  
 
Palazzo di Citta'
Comunicati comunali
Associazioni
Consorzio di Bacino SA1
Intermedia
Scuola
 
  Servizi  
 
Farmacie
Numeri utili
Orari autobus
Orario treni
Siti istituzionali
 
  Annunci  
 
Compro e vendo
Immobiliari
Cerco e offro lavoro
 
  Rubriche  
 
Lettere
Cultura
Speciali
Mondo Giovani
Cavesi nel mondo
Immigrazione
Mostra fotografica
Scadenze fiscali
Umorismo e satira
Chi siamo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima
Carabinieri
L’ascesa ai vertici dell’Arma dei Carabinieri della cavese Scarabino
[06 11 2013 ]
Livio Trapanese
Cava de’Tirreni e la Regione Campania, dal 25 agosto scorso, possono annoverare fra i loro figli diletti una gentil donna: il Maggiore Sandra Scarabino, Ufficiale Superiore dell’Arma dei Carabinieri, la quale, sin dai banchi di scuola, si è sempre distinta.
La giovane studentessa Sandra Scarabino, nel 1991, presso il nostro storico Liceo Statale “Marco Galdi”, col massimo dei voti (60/60), conseguì la maturità classica e per confermare la sua innata dedizione allo studio, rivolse la sua attenzione verso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Fisciano-Salerno, aggiudicandosi, nel 1998, un voto di tutto rispetto: 110/110 e lode. La sua esperienza didattica la vide impegnata nel Master di Diritto Pubblico, presso la cattedra di Diritto Pubblico Generale della medesima facoltà, e la Specializzazione presso la Scuola di Specializzazione in “Economia e Diritto dell’Amministrazione Pubblica” (III edizione) presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università salernitana, attribuendosi la votazione di 50/50 e lode.
Sino al 2008, l’avvocato Sandra Scarabino è stata iscritta al Consiglio dell’Ordine Forense di Salerno e con decorrenza 25 agosto 2013 è stato promosso al grado di Maggiore dell’Arma dei Carabinieri; Responsabile Legale e Contenzioso della Società Difesa Servizi SPA, in house del Ministero della Difesa, ma prima ancora ha svolta la delicata mansione di Capo della Sezione Giuridico-Amministrativa della Direzione di Amministrazione del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Le sue mansioni l’hanno vista membro di comitati di controllo (Steering Committee per il Progetto Europeo EUPST 20011-2013 – membro del Financial Group) e gruppi di lavoro internazionali, in ambito di accordi internazionali e contratti europei tra l’Arma dei Carabinieri e le istituzioni dei Paesi europei e la Commissione Europea, ma anche membro del Gruppo di Studio istituito dal Comandante Generale dell’Arma per la ricerca di Fondi europei, diretti ed indiretti, per il finanziamento delle attività dell’Arma dei Carabinieri. Elencare l’attività lavorativa, le pubblicazioni e gli articoli sin’ora scritti dall’autrice, coautrice e articolista Scarabino sarebbe un’opera quasi impossibile, ma non possiamo non segnalare che sul quotidiano scientifico d’informazione giuridica “Altalex”, il cavese Maggiore dei Carabinieri Sandra Scarabino, che ha un’ottima conoscenza delle lingue inglese e tedesco, ha scritto anche: “Sul crocifisso nelle aule scolastiche”.
La Città di Cava de’ Tirreni è fiera d’avere una “sua figlia” in ascesa versa le vette apicali della fedele e gloriosa Arma dei Carabinieri.

Tratto dal CavaNotizie.it n.40 del 2 Settembre 2009
A colloquio col comandante della Stazione dei Carabinieri
di Cava de' Tirreni, il Luogotenente Paolo Mannino

Gerardo Ardito
Incontriamo il Luogotenente Paolo Mannino, comandante della Stazione dei Carabinieri di Cava de' Tirreni, negli uffici della Compagnia dei Carabinieri di Nocera Inferiore.
Il Luogotenente Mannino è nato 42 anni fa a Palermo, ha seguito la scuola sottufficiali a Velletri e a Firenze. Prima di raggiungere Cava, ha prestato servizio a Salerno al Pronto Intervento e poi alla stazione di S. Cipriano Picentino. Nel 2002 il Luogotenente Paolo Mannino è subentrato all'ex comandante di Cava Luogotenente Giuseppe Ricchimuzzi, attualmente in servizio al Comando Carabinieri per la Tutela dell'Ambiente (ex NOE) di Salerno.
Al comandante Luogotenente Paolo Mannino chiediamo: Dal suo insediamento a Cava qual è stato il suo momento migliore e quello peggiore vissuto nell'Arma?
"I momenti peggiori preferisco dimenticarli, quello migliore risale a circa 10 mesi fa quando, allertati da una telefonata, riuscimmo a salvare dal suicidio un giovane nei pressi della Badia di Cava. Se fossimo giunti pochi istanti dopo non ce l'avremmo fatta. L'uomo pendeva con una corda al collo... Lo salvammo in extremis".
Ritiene che il problema "spaccio e uso di sostanze stupefacenti" sia particolarmente rilevante a Cava?
"Non più di quanto non lo possa essere nei comuni vicini. Ma il dato fondamentale che emerge dai nostri interventi sul territorio cavese è che i cavesi interessati al fenomeno, per la maggior parte, non sono dediti allo spaccio, ma all'uso di sostanze stupefacenti. Gli spacciatori per lo più provengono dal napoletano anche se alcuni locali ne acquistano più del dovuto non solo per consumarlo per uso personale. Al fine di contrastare il fenomeno sono frequenti i nostri controlli sugli autobus, sui treni e nei luoghi di aggregazione. Ai controlli abbiamo appurato, nella maggior parte dei casi, che i giovani cavesi erano in possesso di droghe per uso personale".
Quindi uso, non spaccio... Quale tipo di sostanze riscontrate durante i controlli?
"Soprattutto marijuana ed hashish, mentre cocaina ed eroina in quantità più limitata anche se in continuo aumento".
Sono frequenti le vostre segnalazioni di giovani cavesi...
"Sì, ma si tratta per lo più di casi già segnalati. Ma ci preme informare che l'uso di sostanze stupefacenti, come l'uso smodato di bevande alcoliche, oltre che danneggiare l'organismo, determinano l’eventuale ritiro della patente ed il sequestro dei mezzi di locomozione (auto e moto) ciò a seguito delle segnalazioni alle autorità competenti, nonchè diverse sanzioni amministrative, con conseguente handicap anche nella partecipazione a concorsi".
Desta problema il fenomeno immigrazione a Cava?
"Assolutamente no"
Quali caratteristiche ha riscontrato nei cavesi?
"La loro disponibilità, la mitezza e un livello culturale molto alto"
Ci colpisce la determinazione del Luogotenente Paolo Mannino, ma anche la disponibilità, la cordialità ed il sorriso, che ne fanno una persona squisitamente comunicativa.
Un carabiniere sui generis, di cui certamente la città va fiera.
Tratto dal CavaNotizie.it n.40 del 2 Settembre 2009
Intervista al Tenente Colonnello Cagnazzo,
Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Nocera Inferiore

"L'Arma per me è come l'aria che respiro... Questione di famiglia!"

Flavia Bevilacqua
Al Maggiore Massimo Cagnazzo, 38 anni, già da alcuni anni a capo della Compagnia Carabinieri di Nocera Inferiore è stata conferita di recente la nomina di Tenente Colonnello.
Il neo Tenente Colonnello Cagnazzo è protagonista di una brillante carriera. Nel 1985, all'età di 14 anni, entra nella Scuola Militare Nunziatella di Napoli, successivamente nel 1989, a 18 anni, nelle fila degli allievi dell'Accademia Militare a Modena. La scelta rappresenta non solo un suo desiderio, ma anche la realizzazione della tradizione di famiglia. Tra i suoi avi l'ex cadetto Cagnazzo annovera un nonno maresciallo dell'Arma, classe 1894 (deceduto all'età di 98 anni); suo padre, Domenico Cagnazzo, è Generale in congedo e due suoi fratelli Salvatore e Fabio sono ufficiali. Fabio Cagnazzo (suo gemello) è Tenente Colonnello dell'Arma dei Carabinieri presso il Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Castello di Cisterna ed ex allievo della scuola militare ‘Nunziatella' a Napoli. Salvatore Cagnazzo è Tenente Colonnello e comanda il Reparto Operativo Carabinieri di Roma.
Dopo una pluriennale esperienza di servizio a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria, piccolo centro urbano ai piedi dell'Aspromonte, l'ufficiale Massimo Cagnazzo approda a Nocera Inferiore. Titoli ed onorificenze sottolineano il suo percorso che, nell'agro nocerino-sarnese, ha lasciato significative tracce di acume e dedizione. Basta ricordare la rapidità delle indagini culminate nell'arresto dei responsabili della morte del Tenente Marco Pittoni, avvenuta nel giugno del 2008. In quella occasione furono numerosissimi gli attestati di solidarietà provenienti da tutta Italia.
Alto, slanciato, sguardo fermo ed espressione decisa, tranne ad illuminarsi per un breve sorriso, il Tenente Colonnello Cagnazzo ci parla della sua scelta di entrare a far parte dell'Arma dei Carabinieri.
"L'Arma, per me è stata come l'aria che respiriamo. Non credo di essermi mai trovato ad un bivio per scegliere il mio futuro. Il motivo reale che ha dato la spinta verso questa scelta è stata la diversificazione delle situazioni che rappresenta un elemento implicito nella nostra attività. La stessa criminalità organizzata si distingue per alcune peculiarità strutturali e concettuali, a seconda dei territori e delle realtà in cui si sviluppano. Il rapporto umano sul territorio, la consapevolezza dei reali valori umani e la collaborazione della popolazione per la quale si opera, sono stati ottimi stimoli per credere nel mio futuro nell'Arma.
Ho sempre perseguito un obiettivo
-continua il Colonnello Cagnazzo- fare in modo che la figura del Carabiniere non venga recepita come il ‘nemico' ma, qual è, ovvero come un tutore della sicurezza fisica e morale".
In riferimento alla droga, grave problema emblematico della nostra società, il Colonnello esprime così la sua opinione: "Ritengo che la strada più produttiva, per il conseguimento di risultati positivi, sia anche quella che vede contrastare la domanda. L'informazione corretta sulle conseguenze psico-fisiche, civili e amministrative dell'uso di stupefacenti deve essere continua, capillare e soprattutto rivolta ai giovani sin dalla scuola primaria e secondaria, perché è acquistando che si vanno a rimpinguare le casse della criminalità, specie quella organizzata. In proposito, siamo attivi sul territorio con corsi d'informazione che si integrano al percorso didattico di tutti gli istituti scolastici, in cui operiamo con periodicità".
Negli ultimi anni il mondo della fiction si è impossessata delle divise dei Carabinieri, rappresentando l'universo dell'Arma nelle più svariate sfaccettature; chiediamo fin dove quelle rappresentazioni televisive abbiano attendibilità con la realtà.
"La sinergia che si è creata nell'ambito della Compagnia e l'impegno di ognuno, che rende possibile il conseguimento di molti esiti positivi, sono i due elementi che accomunano la realtà e la fiction. Le modalità operative, invece, presentano delle contraddizioni dovute ai tempi e all'adattamento televisivo".
Sposato con due bambini, il Tenente Colonnello Cagnazzo dotato di una innata riservatezza, alla nostra domanda se tra i due figli ce ne sia già uno predisposto a seguire, nel futuro, le orme della famiglia, ha risposto con tenerezza paterna:
" Mio figlio vuole fare il notaio perché ritiene che, secondo un suo pensiero ancora infantile, sia un lavoro poco faticoso. Per quanto si riferisce alle future scelte costruttive e lavorative dei miei figli, mi limiterò a dare dei consigli solo se richiesti e mi atterrò al concetto del libero arbitrio rispettando le loro scelte".
Tratto dal CavaNotizie.it n.40 del 2 Settembre 2009
Ecco come è strutturata la Compagnia dei Carabinieri di Nocera Inferiore
Reati predatori in diminuzione del 30%
Maggiore partecipazione dei cittadini alla sicurezza

Gerardo Ardito
Nella giurisdizione della Compagnia dei Carabinieri di Nocera Inferiore rientrano: Cava de' Tirreni, Nocera Inferiore e Superiore, Pagani, Sarno, Angri, Scafati, S. Valentino Torio, S. Marzano, S, Egidio e Corbara.
La Compagnia dei Carabinieri di Nocera Inferiore è composta, inoltre, dal Nucleo Operativo e Radiomobile con un Pronto Intervento H24 che svolge attività di prevenzione dei reati ed una Aliquota Operativa che svolge attività investigative ad ampio livello su tutto il territorio in simbiosi con le Stazioni Carabinieri dipendenti. Ogni giorno gli uomini del Tenente Colonnello Cagnazzo, nell'offrire la massima disponibilità ai cittadini, perseguono un solo obiettivo: garantire alti livelli di efficienza di sicurezza mediante il binomio prevenzione-repressione. Ogni anno sono circa 700 gli arresti portati a termine in tutto l’Agro Nocerino Sarnese.
Grande opera di contrasto al crimine organizzato è stato attuata in questi ultimi anni, con la lotta allo spaccio degli stupefacenti, alle estorsioni, all'usura e ai reati predatori (rapine, furti e scippi), di cui si registra una diminuzione di circa il 30% per la forte azione operata dai Carabinieri, dalle altre forze dell'ordine e ad una sempre maggiore sicurezza partecipata dei cittadini anche attraverso segnalazioni e videosorveglianza.
"Particolare attenzione è dedicata alla sensibilizzazione dei giovani nelle scuole, messe in atto attraverso un piano di educazione rivolto soprattutto alle scuole medie e medie superiori - ci dice il Tenente Colonnello Massimo Cagnazzo - Sono stati finora coinvolti istituti di tutte le città che rientrano nella nostra giurisdizione, in particolar modo con visite guidate in caserma. Colgo l'occasione per invitare i direttori didattici e presidi a contattarci per aderire al nostro piano di educazione".
Qual è il suo appello ai cittadini?
"I processi non si fanno senza testimoni, abbiamo necessità della collaborazione della gente; è grazie alla gente comune che abbiamo sventato furti, rapine e altri crimini importanti" .
Il Tenente Colonnello Cagnazzo ci informa che è possibile oggi, in casi eccezionali, anche formulare denunce via internet a mezzo del sito www.carabinieri.it e ci ricorda di non esitare nel formulare il 112 per ogni emergenza.
I Carabinieri, al servizio dei cittadini, offrono un servizio d'ascolto 24 ore su 24.
     
  Contattaci  
 

 
Contattaci
Chi siamo
 
  Commerciali  
 
Industrie
Artigiani
Ristorazione
Alberghi
Shopping
Salute
Arredamenti
Servizi
Immobili
Commercio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
torna in cima